.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


venerdì 8 luglio 2016

Da Terni a Fermo: se l’omicidio di un italiano è meno importante

Non sono assolutamente razzista,ma i media italiani a mio avviso sono razzisti , nei confronti degli italiani

Terni Fermo omicidio italianoFermo, 7 lug – L’Italia è scossa dall’omicidio di Emmanuel Chidi Namdi, il rifugiato nigeriano ucciso da Amedeo Mancini, un “ultrà” fermano. Dal mondo politico e mediatico si levano grida di dolore, moniti, richieste di aggravanti. Renzi è volato immediatamente a Fermo “contro l’odio e la violenza” e per dimostrare la vicinanza del Governo a “don Vinicio e le istituzioni locali”. Alfano si è fiondato a Fermo pure lui, per presiedere il Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza invocando a gran voce “l’aggravante di razzismo” per l’aggressore. La Boschi già parla di Emmanuel vittima “dell’odio razzista” e ci invita tutti quanti a “restare umani”. Sulle dichiarazioni della Boldrini soprassediamo. Colpiscono anche le prime pagine di tutti i principali quotidiani, le aperture dei telegiornali, che ci spiegano come un povero richiedente asilo sia stato barbaramente ucciso da un “ultrà razzista sottoposto anche a Daspo”, solo perché aveva osato difendere la propria moglie dopo aver subito un insulto razzista.
La condanna è unanime e scontata, mentre sui media si parla di “ricostruzione confusa o discordante dei fatti”, nonostante l’unico testimone oculare, Pisana Bacchetti, la donna che ha assistitio alla scena e per prima ha chiamato la polizia, raccontando tutto quanto agli inquirenti, parli chiaramente di un’aggressione perpetrata dai coniugi nigeriani armati di un palo contro il fermano, la cui colpa e sfortuna sarebbe stata quella di aver risposto all’aggressione con un pugno, causando la morte del richiedente asilo. Ma qui è chiaro che la dinamica dei fatti passa in secondo piano, mentre la strumentalizzione ideologica è lampante. A partire dalle categorie: da una parte un povero richiedente asilo, buon cristiano, sposato, ospitato da una struttura ecclesiastica, che avendo subito (forse) l’insulto più grave, quello di razzismo, è autorizzato a difendere l’onore della moglie, anche sradicando un palo e tentando di ammazzare l’uomo che lo aveva offeso, in ogni caso sarà sempre vittima. Dall’altra invece c’è il cattivo perfetto: italiano, “razzista”, ultrà già punito con un Daspo, autore probabilmente di un brutto insulto, a causa del quale non è concesso difendersi da due nigeriani che tentano di ammazzarlo con un palo.
E soprattutto in questo caso la questione diventa politica e “sistemica”: le istituzioni e i media sono là per condannare il razzismo e sostenere ideologicamente l’immigrazione, non si tratta più di un fatto contingente. Dinamica di sistema che invece non si innesca quando a subire aggressioni simili sono gli italiani da parte di immigrati e richiedenti asilo. Potremmo citare decine di casi, ma basti pensare ai casi del ghanese Kabobo che uccise a picconate tre passanti, continuando con i due pensionati di Palagonia barbaramente ammazzati da un ivoriano ospite del Cara di Mineo (dove Renzi si limitò a dire “quello dei clandestini è un tema delicato”), arrivando allo sgozzamento in pieno centro a Terni del 27enne David Raggi da parte di un marocchino, richiedente asilo e già espulso nel 2007.
Proprio l’uccisione del ragazzo ternano avvenuta nel marzo del 2015, se confrontata con l’omicidio di Fermo, rappresenta perfettamente i due pesi e i due misure operati da stampa e governo in questi casi. Per David Raggi non ci furono aperture di telegiornali, non si scomodarono Renzi e Alfano che a Terni non si recarono mai. Anzi, la famiglia di Raggi citò anche in giudizio il premier e il ministro dell’Interno, a causa di un mandato di espulsione mai diventato realtà. Perché ad uccidere Emmanuel Namdi è stato il razzismo, ma ad uccidere David Raggi non è stata l’immigrazione. Perché la vera strumentalizzazione è quella del pensiero unico dell’accoglienza a tutti i costi, non certo quella di qualche giornale di secondo piano o di qualche “leader populista” che tenta invano di difendere gli italiani. La realtà è che Fermo è più importante di Terni, e che la vita di un richiedente asilo vale più di quella di un nostro connazionale.
Davide Di Stefano

Nessun commento:

Posta un commento