.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


venerdì 5 maggio 2017

Ero grillino come Becchi,ma anch'io ho cambiato idea


Fonte http://www.intelligonews.it

E' scontro aperto tra Macron e Le Pen, dopo il duro confronto televisivo proseguono i veleni nell'ultimo giorno di campagna elettorale. L'ex ministro dell'economia, dato per netto favorito dai sondaggi, ha denunciato la leader del Front National per l'accusa di avere un conto alle Bahamas. La Le Pen si è difesa spiegando che era solo una domanda. IntelligoNews ne ha parlato con il professor Paolo Becchi, filosofo e accademico italiano, che prevede uno scontro sul filo di lana che sarà deciso dall'astensionismo.

Elezioni in Francia, Becchi: 'Sui conti ha ragione la Le Pen, non credo vincerà Macron'
Tra Macron e la Le Pen siamo arrivati alle denunce per la questione del conto alle Bahamas. Che idea si è fatto?

'''La Le Pen secondo me ha perfettamente ragione. I nostri giornaloni continuano a dire che Macron ha già vinto, ma io non ci credo, anche lo scontro tv per me è andato più a favore del leader del Front National che ha insistito su punti chiave fondamentale, come il lavoro. L'altro è un fantoccio delle banche e non ha personalità. Io credo che il confronto sarà molto aperto e tutto dipenderà dall'astensionismo, visto che c'è anche un ponte di mezzo e i ponti li fanno anche in Francia. Gli elettori della Le Pen sono molto più determinati e politicizzati, non è detto che quelli di Macron vadano a votare. Se ci sarà un'astensione tra il 7% e il 10% sono convinto che la Le Pen vincerà sul filo di lana. Tutti i sondaggi pubblicati sono falsi, teniamo conto di quanto è successo con Trump. Lo scandalo di Macron non è sicuramente un punto a suo favore".


 In caso di vittoria di Macron si rischia una Francia eterodiretta dall'Europa?

''Macron è il Di Maio italiano, se diventasse presidente vincerebbe l'Europa, l'euro, la Nato e l'establishment, esattamente come succederà in Italia se vincerà il Movimento 5 Stelle. L'unica differenza è che Macron ha una cultura superiore a quella di Di Maio, la sostanza non cambia".

Non le sembra un paragone un po' forzato visto che il Movimento 5 Stelle nasce come forza contro il sistema mentre Macron è un ex ministro dell'Economia che ha lavorato per Rothschild?

'''Non ci vedo nessuna differenza, è una fake news dire che il Movimento 5 Stelle è populista, ormai sono del tutto legati al sistema e la grande finanza punta tutto su di loro. Non è Renzi il Macron italiano, è Di Maio. Grillo sul suo blog lo ha scritto esplicitamente. E' esattamente lo stesso neoliberismo che ci sta distruggendo, come è successo anche in Grecia".
Una vittoria della Le Pen che ripercussioni avrebbe sull'Europa?

"Crollerebbe tutto il sistema europeo e crollerebbe anche in Italia. Se Salvini saprà sfruttarla e dare una svolta congressuale, ci saranno nuove prospettive rispetto a quelle che danno ormai per scontata la vittoria del M5S. Il voto francese influenzerà l'intera Europa e soprattutto il nostro Paese".

Nessun commento:

Posta un commento