.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


Upton Sinclair, “è difficile far capire qualcosa ad un uomo quando il suo stipendio dipende dal suo non capire”.


martedì 12 dicembre 2017

QUANTI ANNI PENSI DI VIVERE ? SCOPRI I SEGRETI DELLA LONGEVITÀ DELLE ZONE BLU


Dan Buettner longevità

Vorresti vivere fino a 100 ed oltre? Ecco i 6 segreti della longevità delle popolazioni con il più alto numero di centenari studiate nelle Zone Blu da Dan Buettner.


In tanti pensano di non volere vivere troppo a lungo, perchè arrivare a 100 anni significa invecchiare, perdere persone care, magari soffrire…
Ma nelle ricerche condotte da Dan Buettner , le persone che raggiungono 100 nelle zone blu del pianeta sono
  • in forma
  • attivissime
  • hanno una vita sociale sana
  • muoiono nel sonno

Zone bluNel libro Blue Zones, il giornalista della National Geographic Dan Buettner ha girato il mondo alla ricerca delle zone blu del pianeta, in cui la popolazione vive fino a 100 anni in proporzione fino 30 volte superiori rispetto ai numeri negli Stati Uniti.
Le prime zone ricche di centenari che ha trovato sono:
  • l’ entroterra della Sardegna (nella zona di Nuoro)
  • Okinawa in Giappone
  • Nicoya in Costa Rica
  • una comunità di Avventisti del Settimo Giorno a Loma Linda in California.
Dal punto di vista genetico queste comunità sono completamente diverse e comprenodono bianchi, neri, asiatici ed ispanici, quindi risulta evidente dagli studi che la genetica ha un ruolo poco rilevante nella longevità. La ricerca qui di era diretta in modo specifico agli stili di vita, e a ciò che questi centenari avevano in comune.

I 6 segreti della longevità


1. La palestra non serve.
  • Nelle zone blu l’ attività fisica è parte della quotidianità. La maggior parte dei centenari cammina parecchi km tutti i giorni e se devono andare al mercato vanno a piedi o in bicicletta. In Okinawa stanno seduti per terra e si alzano 30-40 volte al giorno, in Sardegna le case sono su più piani e si fanno le scale in continuazione.
  • Lo sport è visto come un piacere, non come modo di bruciare calorie.
  • In poche parole: renditi la vita un pò più difficile, usa più le gambe e meno i motori 😉

2. Hara hachi bu. Gli abitanti di Okinawa usano un piccoli trucchi per ridurre l’ intake calorico.
Sono buoni consigli per perdere peso, ma soprattutto per ridurre il colesterolo, la pressione il rischio di malattie cardiache.
  • Smettono di mangiare quando sono pieni all’ 80%. Ci vogliono 20-30
  • Il cibo viene servito al bancone e non si portano in tavola i pentoloni pieni
  • Usano piatti piccoli per ridurre le porzioni.

3. Dieta Plant Based. Questo è un termine che in Italiano non è molto considerato.
Non significa essere vegetariani, ma assumere la maggior parte dei nutrienti direttamente dalla natura ed evita i cibi troppo lavorati.
  • E’ un’ alimentazione a base di frutta, verdura, cereali integrali, noci e legumi.
  • La dieta include carne o pesce un paio di volte alla settimana e latte e formaggi perlopiù caprini.
  • Un bicchiere di vino con la cena fa bene!

4. Ikigai, il motivo per cui ti svegli la mattina. In Giappone esiste una gamma di termini per parlare del proprio scopo di
vita. Qua sembra quasi invadente chiedere delle proprie passioni, dei propri sogni, ma in Giappone i centenari intervistati avevano ben chiaro cosa li faceva brillare.
  • Qualsiasi cosa che ti faccia perdere il senso del tempo viene considerata un’ attività che ti porta in uno stato di zen. Può essere la compagnia di qualcuno, imparare una cosa nuova o praticare un hobby.
  • Usa i tuoi talenti e le tue passioni

5. Relax.  Ognuna delle comunità studiate aveva dei momenti in cui la vita aveva il permesso di rallentare. La vita spirituale secondo le ricerche può aumentare l’ aspettativa di vita fino a 7 anni se praticata regolarmente.
  • Momenti dedicati alla comunità
  • Preghiera
  • Passeggiate nella natura
  • Meditazione

6. La tua tribù.  Questa viene descritta da Blue zones come una delle cose più importanti che possiamo fare per migliorare la nostra vita. Si tratta del modo in cui ci relazioniamo con gli altri e della scelta delle persone che abbiamo in torno.
  • Trova un cerchio di amicizie strette su cui puoi contare. Queste persone avranno un impatto fortissimo sulla tua vita, quindi cerca persone che condividano i tuoi valori e il tuo stile di vita. È dimostrato che se i tuoi amici sono obesi, avrai i 50% delle probabilità in più di essere obeso.
  • Dedica tempo a famiglia e amici regolarmente

Quello che mi sono portata a casa io leggendo il libro, a parte tanti consigli pratici da mettere in pratica, è che questi centenari non erano pronti a morire. Non avevano paura della morte e la accettavano come qualcosa di inevitabile, ma avevano vissuto il loro tempo in salute fine alla fine.
Invecchiare non deve per forza dire soffrire e accettare il declino. Si può fare con grazie e godendoci tutte le belle sorprese della vita quotidiana.

Vuoi guadagnare qualche anno di vita? Rifletti su queste domande.


  • Che percezione hai dell’ invecchiamento?
  • Come tratti le persone anziane intorno a te?
  • Quanto ti piace il posto in cui vivi adesso?
  • Sei soddisfatto del tuo stile di vita?
  • Hai un ikigai? Sai cosa ti fa brillare?
  • Stai facendo il possibile per vivere a lungo e in piena salute ?

Guarda il video di Dan Buettner riguardanti le sue esperienze nelle zone blu

Nessun commento:

Posta un commento