.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


mercoledì 25 marzo 2015

I giapponesi sono ‘razzisti’ perché vogliono rimanere giapponesi


Amo troppo le diversita,per cui condivido totalmente questo articolo
Amo anche le grandi citta,dove a mio parere,si dovrebbero incrociare le infinite razze.
Ma distruggere le qualita nazionali,a favore della globalizzazione del pensiero unico è proprio una follia.
Cosa sarebbe un mondo con gli stessi fiori ovunque, un mortorio,mentre ogni luogo dovrebbe avere i propri fiori specifici che vi ci sono adattati.
Fonte http://identità.com
Si chiama Ariana Miyamoto, ha 20 anni ed è convinta di essere giapponese. E’ l’ultima invenzione dei media di distrazione di massa: la miss ‘giapponese’ mezza africana, o ‘di colore’ come dicono loro.
La sua elezione – probabilmente costruita a tavolino proprio per trascinare anche il Giappone nella cloaca multietnica – a Miss Universo Giappone, non è piaciuta ai giapponesi. Che consapevoli del declino e del degrado portato dall’immigrazione per avere visitato negli anni le città occidentali, non vogliono importare la pratica a casa loro.
Secondo i media di distrazione di massa, non accettare che a rappresentare 120 milioni di giapponesi sia una ragazza che poco ha di giapponese, è ‘razzismo’. Ovvero lo psicoreato più diffuso e più temuto da chi comanda.
Un razzismo che, dicono loro, non è nuovo nella storia nipponica: confondono l’orgoglio della propria identità con il disprezzo della identità altrui. E’ un errore che fanno tutti i sotto dotati intellettualmente.
In realtà, il vero razzismo, non è in chi difende le differenze e le peculiarità, è in chi vuole con tutte le sue forze devastare etnicamente le società nazionali per erigere un nuovo impero multirazziale. Perché è il modo migliore per eliminare il concetto stesso di democrazia, forma di governo improponibile in società non omogenee.
Chi è il vero razzista, chi vuole i giapponesi, gli italiani e i congolesi o chi vuole un essere indistinto che non è nessuno di quei tre? Quale, la differenza tra chi vuole eliminare tutti i popoli perché esista, alla fine, solo un popolo, il suo; e chi vuole lo stesso per mezzo della indifferenziazione razziale? L’ideologia del ‘mulatto’ è solo un genocidio di tutti i popoli con altri mezzi.
Potete definire ‘razzista’ un bianco che desidera la sopravvivenza dei giapponesi?
Se un africano può essere a seconda del luogo di nascita italiano o giapponese, allora i termini ontologici ‘italiano’ e ‘giapponese’ perdono ogni significato: ed è questo l’obiettivo finale del Sistema. Di quella élite globale che vuole un ‘mondo nuovo’. Senza confini, senza appartenenze e senza responsabilità: il parco giochi delle multinazionali e l’incubo dei popoli.

Nessun commento:

Posta un commento