.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


Upton Sinclair, “è difficile far capire qualcosa ad un uomo quando il suo stipendio dipende dal suo non capire”.


giovedì 12 ottobre 2017

I globalisti mirano a frantumare gli stati europei (con secessioni di immigrazione che porta alla tribalizzazione dei territori)

Fonte https://debernardi.wordpress.com

Cataluña e l'agenda di Soros: i documenti "Open Society" hanno rivelato i finanziamenti dei think tank separatisti

Cataluña e l'agenda di Soros: i documenti "Open Society" hanno rivelato i finanziamenti dei think tank separatisti
di Sean Jobst
10 ottobre 2017
Oye Soros Gilipollas: Al infierno con su "Sociedad Abierta"!
Non prende un forense per trovare le impronte digitali del banchiere "filantropo" George Soros in tutto il mondo. La Catalogna non è certamente un'eccezione, come è stato rivelato nei dati finanziari scoperti dal Barcellona La Vanguardia nel 2016. Il 16 agosto 2016, un articolo di Quico Sallés ha rivelato in che misura Soros ha finanziato l'ala propagandistica del movimento indipendente catalano. Questa è la stessa ala che ora sta attuando per conto dello sforzo di indipendenza della Catalogna, tra i media mondiali.
Secondo i documenti interni forniti dalla Fondazione Soros, tra il 12/16/2013 e il 31/31/2014, la "Open Society Initiative for Europe" di Soros (OSIFE) ha "assegnato" USD 27,049 al Consiglio di Diplomazia Pubblica della Catalogna (Diplocat). I record indicano che la copertura mediatica delle elezioni era al centro di questa somma, abbastanza massiccia per un solo mese e che possiamo dedurre includeva più finanziamenti nei mesi e forse anche negli anni a venire.
Fondata da donatori privati, Diplocat si definisce come un "paradiplomacy", un termine coniato nel 1990 per descrivere un ruolo attivo e indipendente dei governi regionali per fare la propria politica estera all'interno di un sistema federale. Questo descrive perfettamente Diplocat, essendo la politica estera della Generalitat de Catalunya che oggi conduce il separatismo catalano. Diplocat è quindi la faccia mondiale del lato pro-indipendenza.
I documenti della Fondazione Soros hanno anche rivelato che nel corso del medesimo periodo, il "Centro di Informazione e Documentazione Internazionale" di Barcellona (CIDOB), che gestisce "Information and Documentation" per la Generalitat, è stato aggiudicato 24.973 dollari "assegnati" allo stesso periodo. Sia Diplocat che CIDOB stanno portando avanti con successo gli sforzi per attirare il sostegno internazionale dei media per la causa della indipendenza catalana, in particolare nelle narrazioni che vengono ora promosse in punti vendita in tutto il mondo.
Propaganda di Diplocat ben finanziata, presentata ai media
La causa immediata per il finanziamento sono state due conferenze tenutesi a Barcellona nel gennaio 2014. CIDOB ha utilizzato i fondi per finanziare una conferenza sull'integrazione, mentre quella di Diplocat è stata ufficialmente chiamata "Elezioni europee 2014: l'aumento della xenofobia e dei movimenti euroskeptici in Europa". Quest'ultima conferenza è stata coordinata da Elisabet Moragas e presieduta dal presidente Diplocat Albert Royo, e si è tenuta dietro porte chiuse e solo per invito - riunendo politici e rappresentanti dei media per "dialogo aperto".
A quanto pare, come il parlamento di Soros di una "società aperta", tale "dialogo aperto" potrebbe ancora essere tenuto dietro le porte chiuse e escludere un pubblico i cui pareri in ultima analisi non si preoccupano di nulla. Dato il titolo orwelliano della conferenza, i tecnici assemblati hanno senza dubbio adottato decisioni in merito alla crisi dei migranti e come i media potrebbero coprire tale questione. Sotto la supervisione dei politici finanziati dalle ONG e dalle fondazioni di Soros, i giornalisti partecipanti potrebbero manipolare l'opinione pubblica in qualunque modo già predeterminati dai finanziatori della conferenza.
Soros: "Il nostro piano tratta i confini nazionali come ostacolo"
La totale ignoranza della sovranità o persino il tanto democratico processo democratico è in piena esposizione guardando le dichiarazioni registrate da Soros ai media. Riferendosi al disprezzo per l'istinto naturale e normale di un paese per mantenere l'integrità demografica impedendo l'immigrazione libera, l'elitista Soros ammette di non aver rispetto per la sovranità: "Il nostro piano tratta la protezione dei rifugiati come frontiere oggettive e nazionali come ostacolo “.
Il mondo stesso è il testamento del loro divergente principio. Soros ha finanziato ONG e think tank che hanno spinto per il cosiddetto intervento "umanitario" in paesi come la Libia e la Siria, ovviamente tale "umanitarismo" è una copertura orwelliana per l'esatto contrario: sostenere gruppi armati e lobbyare per i bombardamenti stranieri nel nome dei "diritti umani", minando i governi che avevano sconfitto la sua elite e le guerre civili dell'ingegneria per destabilizzare quei paesi. Il suo associato, l'ex procuratore generale irlandese e il presidente di Goldman Sachs International, Peter Sutherland, è ancora più diffuso in questo ruolo in qualità di rappresentante speciale delle Nazioni Unite per la migrazione internazionale.
Allo stesso tempo, Soros è al centro della crisi di migrazione di massa in Europa, inondando gli stessi paesi europei che disprezza con un gran numero di migranti economici. Questi migranti sono stati portati in Europa attraverso le varie ONG che finanzia. I media lo vendono al pubblico come rifugiati, ovviamente attraverso le decisioni fatte dietro porte chiuse in conferenze di elite come quella di Diplocat - oscurando il fatto che la maggioranza sono in realtà migranti economici. Anche quei profughi effettivi sono il risultato di politiche progettate dai simili di Soros, che guadagnano la guerra.
Inserisci Fundación La Caixa
Verso questa fine, Soros finanzia il Programma europeo per l'integrazione e la migrazione (EPIM), che è una coalizione di dodici nonprofit connessi all'elite. Uno di questi è la Fondazione La Caixa, un'altra banca che perpetua la schiavitù del debito mentre finge di impegnarsi in "progetti sociali". Molto simile a Avaaz di Soros in Libia e ai caschi bianchi in Siria, Fundación La Caixa ha coinvolto campagne di propaganda altamente sofisticate e finanziate sotto la cosiddetta "diritti umani". All'interno della Spagna e dell'Europa in generale, è stata particolarmente attiva la promozione della migrazione di massa .
È interessante notare che la Fondazione La Caixa è stata fino a poco tempo fa fondata in Catalogna. Letteralmente meno di una settimana fa, ha annunciato che ha spostato la sua sede legale a Valencia; il giorno dopo, ha annunciato un'altra mossa a Maiorca . Dubito che la mossa sia coincidenziale, dato che i collegamenti di Soros hanno con La Caixa e con i think-tanks pro-indipendenti del governo catalano e con il ministero degli esteri. Forse conosce gli effetti della destabilizzazione della Spagna, in modo da poter perseguire meglio i suoi intrighi al di fuori della Catalogna, ma ancora abbastanza vicino per avere un ruolo diretto. Questa è una speculazione, ma è certo che La Caixa abbia legami con la stessa lobbying dell'indipendenza di Generalitat de Catalunya, ricevendo la sua Medaglia d'Oro nel 2005. Il nesso di politici e banchieri si manifesta ancora.
Comitato di accoglienza migrante Catalano Diplocat
- ma no "bienvenidos" per i fratelli spagnoli?
Royo: "Molto doloroso che la Catalogna non può accogliere più rifugiati malgrado la sua disponibilità solo perché la Spagna non lo permetterà"
Le doppie piattaforme della "società aperta" di Soros sono un'erosione delle sovranità nazionali e delle frontiere e l'immersione libera in Europa. Entrambi sono direttamente legati alle varie attività delle ONG in tutto il mondo, ognuno che lavora strettamente in concerto tra di loro in modo che le azioni di una istituiscano il "problema" che altri componenti della sua rete possono entrare e "risolvere ”. Ho precedentemente descritto questo processo in relazione alla Germania. Non dovrebbe sorprendere che il Diplocat, finanziato da Soros, promuove attivamente l'immigrazione di massa e abbia addirittura descritto uno dei fattori di indipendenza dalla Spagna, affinché la Catalogna possa accogliere ancora più "rifugiati" (quasi tutti sono immigrati economici in realtà) come questo articolo sul loro sito ufficiale ammette:
09 feb 2017
DIPLOCAT si unisce alla campagna a favore dei rifugiati e dei richiedenti asilo
Albert Royo ricorda la volontà della Catalogna di accogliere più rifugiati
Il Consiglio di Diplomazia Pubblica della Catalogna (Diplocat) ha aderito oggi alla campagna "La nostra casa, la tua casa" guidata da un gruppo di cittadini indipendenti e organizzazioni catalane interessate alla situazione attuale di migliaia di migranti e sfollati all'interno e all'esterno dell'Unione Europea. Diplocat contribuirà a dare visibilità internazionale all'affetto storico della Catalogna verso l'asilo e l'esilio a seguito della sua storia recente.
La dichiarazione di campagna, che ha già più di 53.600 firme, ha ora il supporto di Diplocat come entità. Il Consiglio incoraggia inoltre i cittadini a partecipare al concerto di sabato e a partecipare alla manifestazione che si terrà a Barcellona il 18 febbraio sotto lo slogan "Non c'è più scuse, oggi benvenuto", che dovrebbe essere il più importante raduno in Europa per questo causa.
Il segretario generale di Diplocat, Albert Royo, afferma che "stiamo parlando della più importante crisi umanitaria dopo la seconda guerra mondiale" e che è "molto doloroso che la Catalogna non possa accogliere più rifugiati malgrado la sua disponibilità solo perché la Spagna non Permettilo". {FINE}
¿Dónde están los "catalanes"?
Ho già documentato gli interessi stranieri che sostengono questo movimento per l'indipendenza catalana. E ho appena mostrato l'ammissione del sostenitore indipendente Albert Royo, capo del Diplocat ben finanziato che ha lobbato per la causa separatista tra i media stranieri, che accettare ancora più migranti in Catalogna è una motivazione primaria per l'indipendenza, ammettendo che preferisce l'economia estera i migranti ad accettare il proprio posto come fratelli tra i popoli iberici effettivamente legati ai catalani per sangue, origine e storia. Non dovrebbe sorprendere allora che i migranti ingrati sarebbero venuti in Spagna e si voltarono e si rivolgessero con diversi marxisti, potenze straniere e banchieri globalisti per questo sforzo di indipendenza catalano. Ci sono stati molti "catalani" a protesta separatista a Barcellona ....
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized . Contrassegna il permalink .

Nessun commento:

Posta un commento