.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


giovedì 5 giugno 2014

Il sentiero della formica,e il sentiero dell"uccello

La meditazione ha per scopo di rendere la mente sottile, perché essa è
diventata molto oggettiva. E’ necessaria solo all’inizio per capire cosa dice il
maestro. E’ solo una tappa sul cammino e non l’ultima. La meditazione può condurti
all’ultima Realtà, ma è un cammino lungo e molto difficile. Anche se può essere utile
all’inizio, essa dovrà dissolversi nell’ultima Realtà. Nella nostra tradizione essa è
chiamata ‘’il sentiero della formica“, mentre la via della comprensione è chiamata ‘’il
sentiero dell’uccello’’. Gli uccelli possono volare facilmente da un albero all’altro,
mentre per le formiche lo spostamento è molto più lento. Il cammino dell’uccello è
semplicemente la via del pensiero. La pratica della meditazione è difficile: devi
meditare molte ore al giorno e devi accettare ogni sorta di restrizioni riguardo al
cibo e al sonno. I saggi che si sono risvegliati con la via della comprensione
consigliano allo studente di meditare all’inizio per preparare la mente.Le due
pratiche sono dunque necessarie.
Ranit Maharaj
Pratica dicendo: “Non faccio niente”. Esattamente come nel sogno le cose avvengono,
ma non fai niente: quando ti svegli sai che non hai fatto niente. E’ la stessa cosa qui
nello stato di veglia: ”Io non parlo, io non mangio…” Cerca di capire questo. “Io ho
ragione, lui ha torto…” questo genere di pensieri ingombra la tua mente. Quando
l’emozione, il pensiero sorge, capisci che “Io non faccio niente, l’io non esiste” e così
ti sbarazzerai di tutte queste false idee. Tutto nasce dallo zero e ritorna allo zero
e nulla dura perché non è reale. E’ con l’aiuto di un’altra spina che si può togliere una
spina, ma se conservi la seconda in tasca, un giorno o l’altro ti pungerà. Alla fine
quest’emozione che è il concetto di “io” dovrà dissolversi. Se tu non esisti, allora chi
è l’agente? L’ “io” non ha alcuna entità, ecco cosa devi ponderare. Se non lo fai, come
puoi capire questa filosofia ?
Ranit Maharaj

Nessun commento:

Posta un commento