.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


venerdì 13 febbraio 2015

La rivelazione di Papa Bergoglio: finalmente dice come stanno le cose


Da quando lo hanno eletto, a seguito di un vero e proprio colpo di stato entro le mura vaticane, abbiamo sempre scritto che i cosiddetti "grandi cambiamenti" introdotti dai gesuiti attraverso il loro Papa avevano un solo scopo: rafforzare il potere della gerarchia ecclesiastica, rafforzare il principio di autoritá.
Ripulire, parlare di bene, di amore, ridurre la corruzione, attenuare l'immagine sfacciatamente ricca della Chiesa... Bene! Ma fatto fondalmente per frenare l'enorme emorragia di fedeli e di vocazioni. Per frenare il processo di ineluttabile esaurimento della istituzione Chiesa, in atto parallelamente alla crescita delle libere coscienze umane.
Tutto questo per mantenere il potere più a lungo possibile, un potere che è enorme dal punto di vista spirituale, finanziario e politico a livello mondiale.

I gesuiti, dicevamo, una volta agguantato per la prima volta il ruolo supremo papale, faranno di tutto per rafforzare il loro potere, concedendo, andando incontro alle esigenze di buoni ideali, di amore, di pulizia, della gente comune. Tutto, pur di salvare il potere, la pretesa di essere intermediari indispensabili tra umanitá e mondo spirituale. La pretesa che degli uomini, solo perchè facenti parte di una gerarchia autonominata, siano superiori ad altri, siano i "pastori" di altre anime... Di tutte le altre anime. Pastori comunque, giuridicamente, a prescindere dal loro vero livello di coscienza.
Spesso, quando commentavamo in questa direzione le mosse di questo Papa, siamo stati criticati, perchè troppo maliziosi, perchè questo Papa la pensa in un altro modo, non é autoritaristico, ma amoroso e aperto, coraggioso ... Tutti lo vedono: ogni giorno il coro dei media ci parla di disastri, di cattiverie ovunque, tranne che nei discorsi del Papa… sempre buoni, belli ed elevati… Mai il minimo velo di critica… Solo grande positività.
Ma ieri, a Capodanno, proprio il Papa ha deciso di fare un discorso per confermare con grande precisione quanto da noi affermato.
Ecco cosa ha detto Bergoglio ieri: “Non è possibile amare il Cristo, ma non la Chiesa, ascoltare il Cristo, ma non la Chiesa, appartenere al Cristo, ma al di fuori della Chiesa”. Questa è una frase scritta da Paolo VI nella encliclica “Evangelii nuntiandi”. Che Bergoglio ulteriormente commenta: «Infatti è proprio la Chiesa, la grande famiglia di Dio, che ci porta Cristo. La nostra fede non è una dottrina astratta o una filosofia, ma è la relazione vitale e piena con una persona: Gesù Cristo, il Figlio unigenito di Dio fattosi uomo, morto e risorto per salvarci e vivo in mezzo a noi. Dove lo possiamo incontrare?  Lo incontriamo nella Chiesa».
E fino a qui potremmo anche essere d’accordo, se si intendesse per Chiesa, per Ecclesia l’intera umanità. Ma Bergoglio, come sempre i suoi predecessori, precisa molto bene cosa è la Chiesa. Ecco la frase completa:
“Lo incontriamo nella Chiesa, nella nostra santa madre Chiesa gerarchica».
GERARCHICA?
Sì, avete letto bene: la Chiesa di cui parla Bergoglio è solo ed esclusivamente quella GERARCHICA, quella fatta di un gregge di pecore e poi, sopra di loro, una piramide di frati e monache, preti, monsignori, vescovi, cardinali e poi sopra di tutti il Papa, l’unico in grado di stare in contatto vero con il Cristo…
cardinali spalleBah… bella pretesa.
Ma non è una pretesa innocua: quanti disastri, quanti morti, quante stragi, processi, torture, roghi, sensi di colpa, quanti accumuli di ricchezze, intrighi, potere… in nome di questa bimillenaria pretesa imperiale….
Ma non è finita: nel suo discorso il Pontefice ha anche sottolineato che la Chiesa «è come una madre che custodisce Gesù con tenerezza e lo dona a tutti con gioia e generosità. Nessuna manifestazione di Cristo, neanche la più mistica, - ha rimarcato - può mai essere staccata dalla carne e dal sangue della Chiesa, dalla concretezza storica del Corpo di Cristo. Senza la Chiesa, Gesù Cristo finisce per ridursi a un'idea, a una morale, a un sentimento. Senza la Chiesa, il nostro rapporto con Cristo sarebbe in balia della nostra immaginazione, delle nostre interpretazioni, dei nostri umori».
Come dire: E’ solamente la GERARCHIA ECCLESIASTICA che può “donare” il Cristo. E senza la GERARCHIA ECCLESIASTICA, che va accettata con tutto il suo portato terreno di materia, comprese banche, immobili, potere politico e schiere di clerici, senza la sua intermediazione, il suo continuo imprimatur, nessuno si può permettere una relazione con il Mondo Spirituale. Senza la GERARCHIA perfino un mistico, un santo, un iniziato… è un folle in balia della propria immaginazione, delle proprie interpretazioni, dei propri umori.
Come dire che solo la Gerarchia è arbitra dell’anima ed in grado di “pontificare” su tutto. Senza la GERARCHIA siamo dei poveri stupidi, dei bambocci in preda alle allucinazioni….
Solo la GERARCHIA ECCLESIASTICA, fatta di giusti e di eletti guidati da un unico portatore della Verità, può assicurare il contatto con il Mondo Spirituale... Cristo non è raggiungibile senza questa gerarchia, da nessuno.
Bella pretesa.. Non vi pare?
Augusto3Questa Chiesa di potere si comporta ancora come l’Impero Romano da cui direttamente deriva: ai primi cristiani, per non finire in croce o in pasto ai leoni, veniva data una possibilità: “Riconosci l’Imperatore come essere Divino superiore a tutti e non verrai perseguitato. Potrai poi esercitare la religione che ti pare, come ti pare…”
L’importante era preservare il principio di autorità imperiale sul quale si reggeva il potere materiale e spirituale dell’Imperatore.
gregory viiE cosa è cambiato nella sostanza rispetto a Gregorio VII che mille anni fa ribadiva che la Chiesa si pone al di sopra di tutte le organizzazioni umane; e che il Papa, nel suo ruolo di capo della Chiesa, è il vicereggente di Dio sulla Terra, e quindi la disobbedienza nei suoi confronti implica la disobbedienza a Dio…
E dove è quindi il “nuovo” portato dal gesuita Papa Bergoglio? Cosa è cambiato dalla vecchia impostazione autoritaristica della vecchia Chiesa-Impero?
Forse solo l'immagine e le parole...  Scarpe nere al posto di scarpe rosse, una utilitaria circondata da macchine di lusso e guardie del corpo, una abitazione semplice al centro di uno Stato traboccante di oro, beni immobili, enormi assets finanziari... Tante buone parole contro la corruzione, per l’amore, per la pace, contro i pedofili ecclesiastici, contro la finanza: tutto quello che le nostre coscienze vogliono sentire… pur di non intaccare il principio centrale dell’Autorità dell’Imperatore-Papa, della sua Corte e delle sue burocrazie.
Paolo VI diceva le stesse cose, e Woitila arrivò a scrivere una frase terribile, intrinsecamente blasfema: " Non c'è Cristo senza Chiesa".
Quale supponenza.. Quale obnubilamento della coscienza...
Nessuna coscienza libera può accettare queste pretese, puó sottoporsi a questo giogo riconfermato ieri da Bergoglio. E per fortuna nemmeno nessun essere spirituale si sogna di accettare questo giogo, questo imbuto di potere.... E certamente nemmeno il Cristo ha bisogno della GERARCHIA per parlare con noi.
Lo possono dire quanto gli pare, a beneficio di chi ci vuole credere, ma non funziona così.
Perché sia così non basta il coro plaudente ed osannante dei media di potere.
La realtà spirituale è altra cosa, per fortuna, e passa per la nostra interiorità in contatto diretto con il Mondo Spirituale.
Certo sorge anche un’altra considerazione: se questo è il “nuovo” introdotto dai gesuiti.... difficilmente ce la faranno a salvare quello che resta della autoritá morale della Chiesa... Che non può più poggiarsi sul monopolio obbligatorio degli affari religiosi umani.
Un monopolio che per fortuna non viene riconosciuto a nessuno né dalle coscienze libere né dal Mondo Spirituale.
Quanto sa di vecchio questa finta aria nuova che si respira in Vaticano...
Non è più tempo di pecorelle smarrite... Ma di coscienze deste e libere... I pastori servono sempre di meno.
Ma veramente possiamo ancora sentirci "pecore" di fronte ad uno di questi membri della "GERARCHIA" ?
Ci sono nel clero, soprattutto nei ranghi non carrieristi, tante bravissime persone, da considerare fratelli e sorelle per il loro grande impegno a favore del prossimo... Ma nemmeno loro si sentono parte di una GERARCHIA… Si sentono più che altro fratelli e sorelle in aiuto del prossimo, secondo il vero modello evangelico. Ed in genere hanno molti problemi a svolgere la loro missione, spesso posti proprio dalla GERARCHIA superiore…
Che c’entra con questi bravi religiosi la pretesa di un gruppo di loro superiori “gerarchici” di essere "diversi" da noi, più vicini al Cielo in quanto Gerarchia?
Superiori in che, nell'etica…?
Chiunque è stato in contatto con le gerarchie ecclesiastiche sa che essere parte della GERARCHIA non garantisce alcuna etica superiore, che è sempre un fatto interiore. Dell’interiore rapporto diretto tra il proprio Spirito ed il Mondo Spirituale.
Bella pretesa questa del Papato Gerarchia... Antistorica e fondata solo su esigenze di potere.
La spiritualità vera è in ognuno di noi, proprio quando finalmente, in contatto diretto con le proprie guide spirituali, il nostro spirito riesce a portare i principi divini in Terra: Amore, Saggezza, Creatività...
Con le proprie forze, nella vita di tutti i giorni.
Così crescono le coscienze... fuori dalle Chiese, fuori dalle gerarchie… esercitando l’Amore a contatto con le sfide poste dalla rete di relazioni umane…

Nessun commento:

Posta un commento