.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777

I giornalisti dicono quello che vogliono perché ai loro padroni piace quello che dicono.


lunedì 11 marzo 2013

Evo Morales,fatti non parole,il contrario dei nostri sinistroidi


L’8 marzo, due giorni fa, in Italia, in occasione della festa della donna, tutte le reti televisive hanno trasmesso per tutto il giorno notizie, documentari, interviste, intrise di una piatta retorica, inutile quanto obsoleta, nel tentativo di presentare l’Italia come una nazione all’avanguardia sul piano dei diritti civili e dell’equa opportunità di genere.
Le stesse reti hanno scelto di non diffondere né la notizia né il discorso di Evo Morales alla nazione boliviana. Il presidente boliviano ha annunciato di aver varato una legge dello Stato che “riconosce il reato di femminicidio come attentato contro l’umanità” punendolo con la pena di 30 anni senza attenuanti. Non solo. Ha istituito anche –per la prima volta nella Storia e primo paese al mondo- il reato di “delitto mediatico contro la donna”. Nella promulgazione della nuova legge sul feminicidio (composta di ben 100 articoli) si legge “la violencia feminicida es una acción de extrema agresión, que viola el derecho fundamental a la vida y causa la muerte de la mujer, por el hecho de serlo, y en este sentido tiene que ser reconocido como un delito contra la humanidad" (trad.: la violenza femminicida è un’azione di aggressione estrema, che viola il diritto fondamentale alla vita e provoca la morte della donna per il solo fatto di essere tale, e quindi deve ascriversi come delitto contro l’umanità).
La legge comprende la punizione dell’atto fisico, ma anche quello psicologico, il danno simbolico, sessuale, patrimoniale, e per la prima volta viene introdotto il concetto di “delito mediatico” laddove, la nuova terminologia indica con accurata precisione “la perdurante e costante visione di un’idea della femminilità abbrutita che offre una immagine della donna come merce sessuale di scambio degradando la sua umanità di cittadina, che ha il diritto legale di essere considerata alla pari del maschio perché va identificata prima di ogni altro aspetto come persona”.

Nessun commento:

Posta un commento