.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


martedì 19 marzo 2013

Il pd ,la vera rovina d"Italia


Da http://goofynomics.blogspot.it/2013/03/tre-copie.html

Tre copie

La prima l'ho data, entrando, a Giancarlo Galan. "Buon giorno governatore!" E lui: "Non son più governatore." E io: "Sì, ma a me piace ricordarla così. Mi permette di regalarle una copia del mio libro? Non sia mai poi litighiamo." E lui: "Non litigheremo." E io: "Ne sono sicuro. Io ormai litigo solo con quelli 'de sinistra'." E lui: "Anch'io i problemi più grossi li ho dalla parte mia." E io: "Ero sicuro che mi avrebbe capito."

La seconda l'ho data, uscendo, a Maria Teresa Meli. "Dottoressa, mi creda: io sono una persona estremamente laica. Ma lo sa anche lei che oggi le priorità dovrebbero essere quelle economiche." E lei: "Sì, ma i diritti civili sono quello che fa appunto la civiltà di un paese". E io: "Lo so. Ma la povertà non porta con sé la civiltà." Poi son riuscito a scriverle due righe: "Con stima, Alberto, P.s.: non sono omofobo." Da fuori mi stava meno simpatica (guardiamo il bicchiere mezzo pieno). Mi sono ricreduto.

La terza l'ho data, tornando, al tassista. "Guardi, l'avevo portata per la redazione ma sono talmente incazzato... Mi permette di darla a lei? In fondo potrebbe interessarle. È anche scritto in romanesco!" E lui: "Ma perché, lei dice che usciremo dall'euro?" E io: "Guardi, non lo so, ma si renderà pure conto lei che la situazione così non può andare avanti. E invece lì un'ora a parlare di un governo del quale tutti sappiamo che durerà poco." E lui: "Ma ora c'è Grillo..." E io: "Ma lei lo ha capito cosa vuole fare?" E lui: "No." E io: "Neanch'io. Ma guardi, non si senta in difetto. Semplicemente, non l'ha capito nessuno. Ce sta a prova'. Io vorrei tanto un partito di sinistra, lei magari no...". E lui: "Ma la sinistra in vent'anni ha fatto disastri." E io: "Sono d'accordo, ma scusi: a lei sembra che tutto questo liberismo, privatizziamo, liberalizziamo, massacriamo i piccoli imprenditori, impoveriamo i dipendenti pubblici, sia di sinistra? Ma scusi, lei lavora nei servizi: se l'economia non gira lei non lavora, lo sa? E lo vede, no, come stiamo messi. Guardi, le spiego una cosa: sa cos'è successo a Cipro?"

E lui me lo ha fatto dire e lo ha capito.

Il buon Gerardo non me l'ha fatto dire perché sapeva che la gente avrebbe capito.

Ve l'avevo detto che era meglio Vianello. Preferisco un avversario che mi ostacola anche in modo esplicito, ma col quale riesco ad avere un minimo di contatto umano. A me Vianello sta simpatico (anche quando cerca di mettermi in ridicolo). Questo no. Niente di personale. Meglio uno scontro aspro, anche sleale, con una persona che un civile dialogo con una cernia, per dire. Preferisco ancora gli animali a sangue caldo. Quelli a sangue freddo, si sa, non godono di buona stampa, fin dalla Genesi (Dixit autem serpens ad mulierem...).

Come ho detto su Twitter, dopo che mi avevano fatto parlare sì e no sei minuti in una trasmissione di un'ora e mezza: "Vi ringrazio di avermi chiamato per la mia bellezza. Non credo di essere abbastanza vanitoso per tornare".


(qualcuno mi trova i filmati su Youtube, se hanno il coraggio di metterli, così poi facciamo il moviolone, vi va? E stavolta daje a ride... Con un sacchetto di carta e due pasticche di Xamamina riuscite a cronometrare quanto tempo mi hanno dato? Così, è una curiosità mia, sapete, io sono quantitativo...)

(e quella poveraccia che piangeva perché non ha di che mangiare? Ma ne vogliamo parlare, o vogliamo preoccuparci di chi sarà a tenere ferma la barra contro l'iceberg dell'euro? E in Francia è la stessa cosa: un'ora di servizio su "les Restos du coeur",frequentati ormai non da barboni, ma da piccoli pensionati, ex commercianti, ex impiegati, gente che ha lavorato una vita e che a 65 anni scopre di dover chiedere l'elemosina. In maggioranza, va da sé, donne. Non ve ne fotte niente che una giovane madre italiana - sì, italiana, perdio! - sia umiliata fino a questo punto? Va bene, avete fatto bene a farcelo capire, così sapremo come regolarci. Ma state attenti, ricordatevi quello che vi ho detto: non ci sono le giovani madri italiane a restare senza lavoro e senza cibo: ci sono anche tanti lavoratori tedeschi e francesi. E allora, cari piddini alla Zoggia, voi che difendete il bidone dell'euro come l'ultimo giapponese nella foresta, state attenti: perché potrebbe succedere che vi giriate, e il bidone che state difendendo sia scomparso, perché sarà stata la Germania a farlo scomparire. E allora a chi le darete le vostre lezzzioncine di stile? Agli oranghi? Ai babirussa? Agli alligatori? Tutte persone che di stile ne hanno certamente più di me, ma solo perché io non ho una folta pelliccia sullo stomaco...)

Nessun commento:

Posta un commento