.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


martedì 19 marzo 2013

IL CANARINO NELLA MINIERA DI CARBONE


Mar 17, 2013 07:39 pm | Riecho blog
Le prime miniere di carbone non avevano sistemi di ventilazione. I minatori portavano nei nuovi antri delle miniere un canarino dentro una gabbietta. I canarini sono particolarmente sensibili al metano e al monossido di carbone, il che li rendeva perfetti per rivelare la presenza di gas pericolosi. Fino a che sentivano il canto del canarino potevano esser sicuri che l'aria fosse sicura. La morte del canarino segnalava invece l'immediata evacuazione.

Immagina di svegliarti un sabato mattina, alzarti dal letto, andare in cucina, accendere la radio o la tv e scoprire che nella notte il governo ha deciso che entrerà nel tuo conto corrente e ruberà parte dei tuoi risparmi. Saprai di essere il canarino.

E' esattamente ciò che è accaduto ai cittadini ciprioti ieri mattina, e a tutti i non ciprioti con un conto corrente aperto a Cipro: il 6,7% per i conti fino a 100.000 euro, il 9,9% per quelli superiori.

Non deve essere una bella sensazione.

Qualche sprovveduto ha subito pensato: allora corro a togliere i soldi dal conto! Ma i politici non sono stupidi, quando si tratta di prender soldi alle persone. L'annuncio non a caso arriva di sabato: le banche sono chiuse e lo resteranno anche lunedì e martedì. C'è poco da fare.

Nasce quindi la protesta, alcuni lo hanno fatto portando un bulldozer di fronte alla propria banca.

La protesta. Ecco il punto cui non devi arrivare. La protesta è la reazione istintiva quando ci si accorge di essere stati fregati, di non aver più scampo, di non poter far più niente per cambiare le cose. Non rischiare di svegliarti una mattina e scoprire che la protesta è l'unica opzione rimasta.

Ciò che sta accadendo a Cipro in queste ore viene completamente taciuto dai maggiori media italiani, quando invece occupa i primi titoli dei giornali di tutto il mondo. Verrà etichettato dall'UE come un intervento unico, speciale. Balle, come quelle che continuano a raccontare da anni sulla crisi del debito, sulla reale condizione dell'economia e sulle prospettive future.

Ormai dovrebbe essere chiaro a chiunque che la proprietà sui soldi depositati nelle banche di paesi falliti non è più assicurata. Non più solo per l'insolvenza delle banche stesse, ma perché i conti sono alla mercè degli euroburocrati. Forse ora vi sarà più chiaro perché i politici ci tengono tanto all'eliminazione del contante.

Un'ultima considerazione per coloro che hanno accettato di pagare l'Imu con spirito di sacrificio: smettetela di illudervi. Guardate la realtà. Le tasse vanno a finire nel buco nero della spesa pubblica. Più tasse, più entrate per il governo, peggio sarà per l'economia.

Nonostante un aumento delle entrate fiscali, il debito pubblico italiano ha toccato un nuovo record a 2022 miliardi di euro. Dimostrazione che pagare tutti per pagare meno è una menzogna di livelli galattici. Nel frattempo i negozi chiudono con una rapidità impressionante, gli imprenditori continuano a suicidarsi nel silenzio generale e l'Italia perde il capitale umano che più di tutto conta per la prosperità di una società.

L'aria della miniera era previdibilmente malsana e pericolosa. Da oggi non si sente neanche più cantare il canarino. Che fai? Esci dalla miniera o continui a lavorare?

Riecho
Editor EconomiaeLiberta.com

Nessun commento:

Posta un commento