.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


domenica 17 novembre 2013

Fortuna che era diverso

Si era presentato così:
images
Poi lo scopriamo al telefono, mentre parla con Archinà, il grande pagatore dei Riva, mentre ride e ride e ride del giornalista a cui viene strappato il microfono, perché il giornalista chiede, anzi si permette di chiedere, al commendator Riva, dei morti di tumore causati dall’Ilva di Taranto.
Cosa c’era di così divertente? A vedere e rivedere lo spezzone incriminato, non c’è niente che possa far ridere, nemmeno strappare un sorriso, c’è anzi la tronfia e volgare ostentazione di un potere che pensa di non dover rendere conto a nessuno. Potere verso cui il governatore Nichi Vendola corre in soccorso, lo vediamo mentre non riesce proprio a trattenersi dal chiamare al telefono per comunicare una vicinanza che è untuosa, appiccicosa, tutta tesa a congratularsi innanzi tutto con sé stesso del fatto di essere dalla parte giusta: lui ha riconosciuto il giornalista come un provocatore, ma un provocatore di scarsa qualità, non certo come era lui negli anni ’70.
Caro Nichi, quel provocatore degli anni ’70 è morto, oggi c’è un uomo di potere che esibisce, gode e si eccita della sua vicinanza con i potenti, anche quando questi hanno i tratti disgustosi degli avvelenatori di una intera città.
Pensi forse che i familiari delle vittime di tumore abbiano trovato qualcosa da ridere in quello che succedeva? Pensi che trovino da ridere a vedere il Presidente della Regione Puglia che fa aumma aumma con Archinà, dicendogli che il governatore non si è dimenticato, che un incontro sarà imminente, che insomma è tutto un tarallucci e vino?
Questo per uno che si spacciava come diverso. Questo per uno che è in un partito che ha la parola “ecologia” nel nome.
Oh, se l’avesse fatto Berlusconi un gesto così. Oh, come mettiamo in conto alla Cancellieri gesti analoghi e gravi come i tuoi. Ma tu, evidentemente, pensi per davvero di essere “diverso”. E che la tua diversità, anzi direi diversitudine, perché è un sentimento nobile ed elevato, debba consentirti atteggiamenti diversi e richieda di giudicarti con altri metri di paragone.
Peccato, pensavo fossi l’unico votabile, e invece mi sbagliavo. Ero già passato sopra a queste tue inopportune amicizie, con la sorella del giudice che doveva giudicarti per abuso d’ufficio, ma con questo hai superato ogni limite e ogni decenza, sei della stessa brutta razza che ha ridotto l’Italia nello stato in cui è.
Vorrei dirti una cosa sola, e te la dico da gay a gay: i froci come te mi fanno schifo.

Nessun commento:

Posta un commento