.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


venerdì 15 novembre 2013

Marco Travaglio: due persone serie e “la MERDA che siamo sempre stati”

ASSOCIAZIONE RICONQUISTARE LA SOVRANITA,UN SITO CHE CONSIGLIO VIVAMENTE
di Lorenzo D'Onofrio (ARS Abruzzo)

Ieri sera su La7, nel corso della puntata di "Servizio Pubblico" che ha visto come ospite il Prof. Alberto Bagnai dell'Università D'Annunzio di Pescara, è andato in onda l'ennesimo spettacolo denigratorio nei confronti del popolo italiano.
La presenza in studio, in prima serata, dell'autore de "Il Tramonto dell'euro", personaggio determinante nell'aprire una breccia nel muro di disinformazione che, per decenni, ha avvolto il dibattito sulla politica economica nazionale e non, è certamente un segnale da non sottovalutare, che lascia intravedere qualcosa di importante all'orizzonte.
La costruzione della trasmissione è stata, tuttavia (e non poteva essere diversamente), in perfetto stile "santoriano". Puntata quindi a copione, gestita alla perfezione dal conduttore, sviluppando, fra alti e bassi, un teorema preconfezionato: l'euro è un problema (che lo ammetta Santoro è già una notizia), ma non è causa della crisi. La colpa è degli italiani e dei loro vizi endemici (mafia, debito pubblico, corruzione, clientelismo, sprechi ecc.), che vanno rieducati (attraverso il famosovincolo esterno) avendo come modello la Germania "che ha fatto le riforme". Il tutto cercando di dare l'impressione di imparzialità, ma indirizzando in maniera subliminale il telespettatore ad aderire alle conclusioni aprioristicamente scelte.
Come sempre lucide e comprensibili anche dai non addetti ai lavori le spiegazioni, ben note ai lettori del blogwww.goofynomics.blogspot.it, illustrate dal Porf. Bagnai sulle cause della crisi e sugli squilibri generati dalla moneta unica,ovvie verità scientifiche, come da lui stesso definite, per troppo tempo rimaste sconosciute ai consumatori del mezzo televisivo.
Puntuale, purtroppo, la regia del conduttore, sempre pronto a cimentarsi nella sua inutile interpretazione dei concetti già chiaramente espressi dall'interlocutore, travolti dalle scariche di luogocomunismi (neologismo coniato dallo stesso Bagnai) affidate al solito Marco Travaglio, o agli studenti italiani dellla London School of Economics (ospiti in studio), prima di cedere lo spazio (ed anche l'attenzione del pubblico) alla necessaria carrellata pubblicitaria, anticipatrice dell'immancabile scandalo all'italiana.
Semplicemente geniale la trovata di invitare, quali antagonisti delle razionali e documentate spiegazioni fornite dal Professore "pescarese", gli studenti italiani a Londra, giovani "capaci e per bene", ma costretti ad abbandonare il paese natio in cerca di un'occasione. Occasione trovata, ovviamente, fuori dall'€urozona… ma la cosa è apparsa al conduttore un dettaglio non degno di menzione.
Disgustosa l'uscita di Marco Travaglio, sordo ed indifferente alle parole del Prof. Bagnai che cercava di spiegargli i danni prodotti dalla politica adottata, a partire dagli anni '80, dai padri nobili del Partito Democratico (rappresentato in studio da Stefano Fassina), i quali hanno "sostituito la politica industriale e la politica dei redditi con la politica del cambio" valutario, avendo "messo un cambio sopravvalutato, un cambio forte, per disciplinare i sindacati e per costringere le imprese ad evolvere verso un modello che non era il loro" e, quindi, ad abbandonare la dimensione di piccole e medie imprese, che era stata il successo italiano, ma che a "qualcuno" (i Mercati?) non piaceva.
Ebbene, l'umile e modesto Travaglio, autodichiaratosi "profano" totale sugli argomenti economici, ciononostante non poteva esimersi dal pronunciare la sua condanna del popolo italiano tutto "mafia, debito pubblico, pensioni di invalidità fasulle, evasione fiscale e contributiva" per cui, con buona pace delle ovvie verità scientifiche documentate da Bagnai, ma anche del buon senso che imporrebbe un confronto con la condizione degli altri paesi dell'€urozona, sentenziava: “senza euro saremmo la MERDA che siamo sempre stati” (qui le immagini).
La cosa non stupisce, vista l'incompetenza economica dichiarata dal giornalista, ma soprattutto alla luce del suo conclamato apprezzamento proprio per alcuni dei padri nobili del PD (e del progetto €uropeo) che Bagnai ha osato mettere sul banco degli imputati, ovvero quel Romano Prodi e quel Tommaso Padoa Schioppa che, in un articolo del 2008, Travaglio definiva "Due persone serie".prodi ps
Che anche Travaglio appartenga alla scuola del… "lasciar funzionare le leggi del mercato, limitando l'intervento pubblico aquanto strettamente richiesto dal loro funzionamento e dalla pubblica compassione"? La scuola del programma di riforme strutturali "nei campi delle pensioni, della sanità, del mercato del lavoro, della scuola e in altri ancora… guidato da un unico principio: attenuare quel diaframma di protezioni che nel corso del Ventesimo secolo hanno progressivamente allontanato l' individuo dal contatto diretto con la durezza del vivere"?
Basta saperlo!
Ma attenzione, perchè è la scuola del "PIU' EUROPA"!

Gli interventi di Bagnai a Servizio Pubblico:


1 commento:

  1. a ME Bagnai è piaciuto, l'ho vista questa puntata, anzi mi aveva stupito che in tivu venissero dette certe ovvietà, ovvietà per me, non per la massa. anzi ieri alle iene devo anche ricredermi di una discepola della neo forza italia, rispetto al sempre fraudolento, falso, pretino ipocrita di formigoni

    RispondiElimina