.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


sabato 25 febbraio 2012

Commento al libro.Il grande sigillo di Tilopa.Cap 10

La comprensione suprema
trascende questo e quello
La conoscenza è sempre comprensione di questo o quello,è conoscenza della dualita,mentre la comprensione è la totalita.


L"azione suprema unisce
grande ingegnosita e supremo distacco
Essendo sciolti e naturali,si è naturalmente tremendamente ingegnosi,ma essendo saggi ci si rende conto,di essere uno strumento del Tutto,non ci si attacca hai risultati,perchè questi sono di ostacolo,a nuova creativita.

La realizzazione suprema consiste
nel comprendere l"immanensa senza speranza
Sembra pessimismo,ma l"immanenza senza speranza è realismo,cioe qualcosa aldila della speranza,la speranza è la causa principale di frustazione,perche c"impedisce di vivere l"eterno presente.Un saggio,non è ottimista o pessimista,vive lasciandosi trasportare dall"esistenza,ed è meraviglioso,solamente i propri desideri le proprie speranze ,c"impediscono di apprezzare questo fantastico mondo.

Dapprima la mente dello yogi
precipita come una cascata
Chi ha avuto i primi satori,incomincia ruggire come un leone,come una maestosa cascata,vuole rivoluzionare il mondo,perchè vede la follia dello stesso.

a meta strada,come il Gange
fluisce lenta e placida
Dopo altri satori,si diventa sempre più placidi e tranquilli appunto come il Gange nella vasta pianura

Alla fine è un vasto oceano
in cui la luce del figlio e della madre si fondono.
Si arriva all"oceano,ci si perde,lo stato supremo di Mahamudra,il grande orgasmo,la morte ultima.Ci si rende conto,di non essere,e nello stesso tempo di poter essere qualunque cosa.Siamo la LIBERTA,INFINITA CREATIVITA.
UN LIBRO QUESTO ,COMMENTATO IN MANIERA SUBLIME DA OSHO,MA TILOPA,iN POCHISSIME RIGHE,DIMOSTRA L"IMMORTALE SAPIENZA.
OSHO TILOPA ENTRAMBI MERAVIGLIOSE ILLUSIONI;ERA L"UNIVERSO CHE PARLAVA TRAMITE QUELLE ILLUSIONI.

Nessun commento:

Posta un commento