.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


venerdì 15 febbraio 2013

Giornalisti,i guardiani del potere.


Proprio oggi mi sono trovato a chiacchierare,con un plagiato di sinistra,uno che siccome legge qualche giornale pensa di capire tutto.Una volta pensavo che gli indottrinati fossero i berlusconiani,oggi non vedo differenze.Giornalisti,voi non siete giornalisti,voi siete i servi consapevoli,ma anche inconsapevoli del potere.Aime  gli idioti inconsapevoli,secondo me sono la stragrande maggioranza.


Da questo link,http://freeskipper.blogspot.it/

di Maria Pia Caporuscio. Quando si condanna l’operato dei politici spesso ci si dimentica di chi fornisce loro le armi per poterlo fare: i giornali! I giornalisti che volutamente evitano di informare la popolazione sui retroscena della politica, lasciando compiere alle loro spalle atti, a volte addirittura criminosi, commettono un doppio tradimento, uno contro i lettori e l’altro contro l’etica professionale. Questi “non giornalisti” diventano a tutti gli effetti complici dei danni, che il loro silenzio provoca sulla popolazione e andrebbero condannati ancor più degli stessi politici, che tali leggi legiferano. Tenere la popolazione all’oscuro equivale a legar loro le braccia, a renderli impotenti, a sottometterli. Un popolo informato è in grado di difendersi con le armi a sua disposizione, come la mobilitazione e quindi fermare la deriva degli abusi di potere. Un paese si definisce “democratico” quando la popolazione è resa consapevole delle decisioni che la classe dirigente intende adottare, quando all’obbligatorietà di una legge si contrappone la discussione, in caso contrario questo paese non può dirsi democratico. Purtroppo da molto tempo nei paesi cosiddetti democratici, la democrazia viene asservita al potere e proprio a causa del tradimento dei media. I media sotto certi aspetti hanno sostituito le forze dell’ordine, le quali intervenivano per bloccare i manifestanti durante gli scioperi o le manifestazioni di piazza. Costoro agiscono in modo più subdolo e devastante impedendo addirittura che vengano a conoscenza dei misfatti, in modo da tenerli buoni. Sono diventati i guardiani dei potenti, lo scudo tra dominati e dominatori. La sola cosa che da sempre i governanti temono, è l’ira della popolazione e per difendersi non hanno mai smesso di studiarne il modo migliore per riuscire a sottometterli. Ci sono riusciti egregiamente questi moderni potenti e con meno spreco di energie: comprando i media! Arrivati a questo punto le lotte, prima ancora che contro gli abusi della politica, dovrebbero essere indirizzate contro questa categoria, che a tutti gli effetti può essere considerata il braccio armato del potere.

Nessun commento:

Posta un commento