.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


lunedì 8 ottobre 2012

Alan Moore. Magia e scrittura - La scienza dell' Esoterismo

Da questo interessante post uno spezzone,,,http://sacroprofanosacro.blogspot.it/2012/10/larte-e-la-funzione-nel-credo-di-un-faro.html



È molto interessante il discorso che fa Alan Moore, a proposito dell’arte e dell’artista. Ruoli in cui la Magia vive a pieno, pur sullo sfondo di un qualcosa come 'disattivato', eppure ancora magico-creativo.

Durante il mio quarantesimo compleanno, piuttosto che semplicemente annoiare i miei amici con una banale crisi di mezza età, decisi che fosse molto più interessante spaventarli sul serio... dichiarando me stesso un Mago. È stato qualcosa avvenuto in un momento. Esso sembra un logico ultimo passo nella mia carriera di scrittore. 

Il problema è che con la Magia, essendo sotto molti aspetti una scienza del linguaggio, devi stare molto attento a quello che dici, perché se tu dichiari improvvisamente di essere un Mago, senza sapere cosa implica, poi un giorno tu probabilmente ti svegli e scopri esattamente che è ciò che tu sei


C’è una certa confusione su ciò che è veramente la Magia, e penso che vada chiarito.

Se tu osservi le primissime descrizioni della Magia, noti che la Magia, nella forma più antica, si riferisce spesso all’arte. Io credo che questo sia del tutto letterale. Io credo che la Magia è arte e che l’arte, qualora fosse stata scrittura, musica, scultura o qualunque altra forma, è veramente magica. L’arte è come la Magia, la scienza di manipolare i simboli, parole o immagini per portare cambiamenti nella coscienza. 

Il vero linguaggio della Magia sembra parlare tanto di arte o di scrittura, quanto di eventi soprannaturali. Un ‘grimoire’ per esempio, un libro d’incantesimi, è semplicemente un modo elaborato di affermare regole. Anzi, per lanciare un incantesimo, devi semplicemente sillabare, manipolare parole per cambiare la coscienza della gente e io credo che questo sia il perché un artista o scrittore, rappresenti la cosa più vicina, nel mondo contemporaneo, che vedi probabilmente come sciamano

Io credo che tutte le culture derivino da culti.

Originariamente, tutti gli aspetti della nostra cultura, che siano stati arte o scienza,erano di competenza dello sciamano. Il fatto che nei tempi odierni, questo potere sia degenerato fino al livello di basso intrattenimento e manipolazione, penso sia una tragedia. Al momento, le persone che stanno utilizzando sciamanesimo e Magia per modellare la nostra cultura, sono i pubblicitari

Piuttosto che cercare di risvegliare le persone, il loro sciamanesimo è utilizzato come un narcotico per sedare la gente, per rendere le persone più manipolabili. La loro scatola magica del televisore, attraverso le loro parole magiche e musichette, può causare a tutte le persone della nazione di pensare alle stesse parole e avere gli stessi pensieri banali, tutti esattamente allo stesso momento. 

In tutta la Magia c’è un’incredibile e numerosa componente linguistica. La tradizione poetica della Magia avrebbe posto un poeta in maniera più elevata e spaventosa rispetto ad un Mago. Un Mago potrebbe maledirti, potrebbe trasformare le tue mani in modo buffo o farti avere figli nati con un piede equino. Se un poeta avesse fatto, non una maledizione su di te, ma una satira, quella avrebbe potuto distruggerti. Se poi fosse stata una satira intelligente, non solo ti avrebbe rovinato agli occhi dei colleghi, ma ti avrebbe rovinato agli occhi dei tuoi familiari e avrebbe rovinato anche la considerazione che hai di te stesso. Se si fosse trattato anche di una sottile ed arguta satira, essa sarebbe sopravvissuta e ricordata per decadi, se non per secoli. Anni dopo che fossi morto, la gente avrebbe potuto leggere ancora e ridere di te, del tuo squallore, della tua assurdità. 

Scrittori e persone che hanno il comando delle parole, vanno rispettati e temuti come persone che manipolano la Magia

Nei tempi più recenti, penso che artisti e scrittori si siano lasciati imbrogliare; hanno accettato la credenza prevalente che arte e scrittura siano soltanto forme di intrattenimento. Esse non sono viste come forze trasformative, che possono cambiare un essere umano o la società. Esse, invece, sono viste come semplice divertimento, cose con le quali si può riempire 20 minuti o mezz’ora… mentre aspettiamo di morire

Non è il lavoro dell’artista dare allo spettatore cosa lo spettatore vuole. Se il pubblico conoscesse quello di cui ha bisogno, esso non sarebbe più il pubblico, ma sarebbe l’artista. È il lavoro dell’artista dare al pubblico ciò di cui ha bisogno…

Magia e scrittura - La scienza dell' Esoterismo. Alan Moore

Nessun commento:

Posta un commento