.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


martedì 30 ottobre 2012

Per tutti gli atei


Un'esperienza mistica 

André Comte-Sponville 

Quella sera, dopo cena, ho deciso di camminare con alcuni amici, come spesso, in questa foresta che amiamo. Era buio. Abbiamo camminato. Le risate a poco a poco tacque, le parole erano scarse. Era amicizia, fiducia, presenza comune, la dolcezza della notte e tutti ... Non ho fatto niente. Ho guardato. Ho ascoltato. Il sottobosco nero tutto intorno. La luminosità sorprendente del cielo. Silenzioso fruscio della foresta: alcuni rottura di rami, alcuni versi degli animali, il suono più smorzato i nostri passi ... Questo fatto il silenzio più udibile. E all'improvviso ... Che cosa? Mentre nulla! Non discorsi. Senza senso. Nessuna domanda. Solo una sorpresa. Solo evidente. Solo una felicità che sembrava infinito. Solo una pace che sembrava eterna. Il cielo stellato sopra di me, immenso, insondabile, luminoso, e nulla in me che il cielo, me compreso, non altro in me che questo silenzio, questa luce come una vibrazione felice una gioia senza una causa, non applicabile (senza qualsiasi altro oggetto, non soggetto diverso da se stessa), nulla in me, nel buio della notte, la presenza abbagliante di tutto! Pace. Pace enorme. Semplicità. Serenità. Gioia. Questi ultimi due parole sembrano contraddittorie, ma non era parole, era un esperimento, è stato un silenzio, era un armonia. E 'stato come il culmine, ma eterna, un accordo perfettamente equa, che sarebbe il mondo. Ero. Sono stato sorprendentemente buono! Così bene che non ho più sentito il bisogno di dirmi, o anche il desiderio di continuare. Più parole, più è assente, più attesa: presenti pura presenza. E 'solo se posso dire che sono rimasto a piedi: non c'era la passeggiata, il bosco, le stelle, i nostri amici ... Più ego, più separazione, una maggiore rappresentanza: solo la presentazione di tutti in silenzio. Giudizi di valore di più: basta la realtà. Più tempo: altro che questo. Niente di più: essere solo. Più insoddisfazione, più odio, più paura, più rabbia, più ansia, nient'altro che la gioia e la pace. Più commedia, più illusioni, non si trova più, nient'altro che la verità che mi ha, che non contiene. Durò forse un pochi secondi. Ero scioccato e sia riconciliato, sconvolto e più silenzioso che mai. Distacco. Libertà. Necessità. Il mondo finalmente a se stesso. Finito? Infinity? La questione non si pone. Non ci sono state domande. Come auraitil risposte? C'erano solo l'ovvio. C'era solo il silenzio. C'era la verità, ma non frasi. Il mondo, ma senza senso e senza scopo. Che immanenza, ma non altrimenti. Che il vero, ma non un altro. Senza fede. Nessuna speranza. Nessuna promessa. C'era tutto, e la bellezza di ogni cosa e la verità di ogni cosa, e la presenza di tutti. Questo è stato sufficiente. Era molto più che sufficiente! Accettazione, ma gioiosa. Tranquillo, ma tonico (sì, era come un inesauribile coraggio). Riposo, ma la fatica. La morte? Non era niente. La vita? E 'stato questo pulsare in me di essere. La salvezza? Era solo una parola, o era la stessa cosa. Perfezione. Pienezza. Bliss. Che gioia! Che felicità! Quale intensità! Io dico "Questo è ciò che Spinoza chiama l'eternità ... "Si, si sospetta, fece arrestare, o meglio mi ha spinto. Le parole tornato, e il pensiero, e l'ego, e la separazione ... Non aveva importanza: l'universo era ancora lì, e con me, e me in esso. Come potrebbe cadere a tutti? Come potrebbe finire per sempre? Quali parole avrebbero soffocare il silenzio? Ho vissuto un momento perfetto - quel tanto che basta per sapere cosa perfezione. Un felice momento - quel tanto che basta per sapere cosa beatitudine. Un momento di verità - quanto basta per sapere, ma l'esperienza, è eterno.

"Sentiamo che stiamo vivendo ed eterno", ha scritto Spinoza nell'Etica - non che ci sarà dopo la morte, ma come siamo, qui e ora. Eccola: mi ero sentito e vissuto, di fatto, e mi ha fatto come una rivelazione, ma senza Dio. Questo è il momento migliore che ho vissuto la più felice, più serena e più spirituale, naturalmente. Come le preghiere della mia infanzia o della mia adolescenza, inoltre, sembra ridicolo! Troppe parole. Troppo ego molto. Troppo narcisismo molto. Quello che ho vissuto, quella notte, e quello che è successo in altri momenti della vita o vicino, è vero il contrario come verità senza parole, come una coscienza senza ego, una felicità senza narcisismo. Intellettualmente, non ho alcuna prova di nulla, ma non posso far finta che non è accaduto.

Estratti dallo spirito dell'ateismo - Introduzione a una spiritualità senza Dio, André Comte-Sponville - Edizioni Albin Michel

Nessun commento:

Posta un commento