.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


Upton Sinclair, “è difficile far capire qualcosa ad un uomo quando il suo stipendio dipende dal suo non capire”.


giovedì 19 aprile 2012

Non ci posso far niente andare controcorrente,è la cosa che mi piace di più

Madre Teresa: né madre né santa
Il volontariato (come la carità e la beneficenza), sono cose nobilissime. Ma resta che c'è chi se ne approfitta, ed è giusto che si mettano in guardia le "anime belle".
D’altra parte, mi rendo conto che un tempo era facile far vedere la luna nel pozzo. Ed era più facile ingannare i devoti: per dire, mentre Madre Teresa andava in televisione per
far visita a Raffaella Carrà (magari a ribadire per l’ennesima volta la sua contrarietà all'aborto), Papa Karol si faceva vedere sorridente accanto al boia Pinochet (e scusate se è poco!).
Resta pacifico che Madre Teresa non era una missionaria. Ma era essenzialmente una donna fanatica e cocciuta (scaltra nello scansare qualunque critica le venisse mossa: fingeva sistematicamente di non capire ciò che le si imputava).

Con l’alibi di curare i poveri e i derelitti, Madre Teresa indirettamente aiutava molti dittatori e malfattori. Ingrassava e difendeva quei maiali che avevano l'abitudine di prosperare sulla miseria e sull'ignoranza del prossimo (e che poi si facevano benedire da lei, per “ricostruirsi una verginità”: alludo a quei tiranni che erano ben contenti di finanziarla (per avere in cambio anche solo una foto assieme: come ha fatto ad esempio Duvalier, il dittatore di Haiti che in questo modo si è visto legittimato dalla suora).
... Nel frattempo, l’occidente distratto e sazio lasciava che la suora facesse quel che voleva. E di fatto lei ha costruito il suo successo mediatico sfruttando la credulità popolare (in un paese, va ricordato, molto poco sviluppato e pieno di superstizioni).


L'opera di Madre Teresa non aveva nulla di umanamente ammirevole: a fronte delle grandi somme che riceveva, offriva ai suoi malati poco più di un bicchiere d'acqua e un miserabile giaciglio (peraltro spesso in condizioni igienico-sanitarie scandalose!).
L'importante, per lei, era continuare sulla sua strada. Fingendo quella umiltà che portava tanti disperati ad inchinarsi per baciarle i piedi (cosa che nella sua umiltà non ha mai impedito).
Intanto imponeva agli altri le sue ossessioni, dicendo che il dolore è salvifico (la sofferenza, secondo lei, aveva addirittura valore sacramentale, perché serviva ad avvicinare l'uomo alla sofferenza di Cristo sulla croce).  E quando qualcuno le faceva notare che era immorale chiedere e accettare soldi spesso palesemente sporchi, lei lasciava intendere che preferiva occuparsi di ciò che è essenziale (secondo lei non era saggio chiedersi da dove venissero tutti quei soldi che raggranellava: lasciava intendere che investigare su questo sarebbe stato ‘far politica’. E si sa che la politica è cosa sporca!).

 
La verità è che Madre Teresa la politica la faceva, eccome! Basti pensare a come si batteva contro le leggi che permettevano la contraccezione e l'aborto. O il suo astio (esattamente come papa Karol), verso la "teologia della liberazione".
… E tralascio di ricordare molte altre cose: la sua mania di far battezzare i moribondi di altre religioni (di nascosto, con mille sotterfugi, praticamente a loro insaputa). Le piccole e grandi crudeltà a cui sottoponeva i suoi pazienti (ai quali faceva radere i capelli, neanche fossero in manicomio!). La sua incredibile difesa di un noto truffatore (anche dopo che le era stato chiaramente spiegato quanti e quali fossero i crimini di costui). E tutte le altre prodezze di cui era stata capace questa donna che - come dicevo - era soprattutto cinica e spietata. 


Nessun commento:

Posta un commento