.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


mercoledì 19 marzo 2014

Cambio regime: Prima l’Ucraina, poi il Venezuela, poi l’Ecuador, Bolivia, Brasile…Cina?

Ora che il Segretario di Stato USA John Kerry ha lanciato un ultimatum alla Russia, ha detto che Putin ha tempo fino a Lunedi per seguire gli ordini di Washington o altrimenti ci saranno delle conseguenze, speriamo che tutti in questi schemi possiamo vedere la ripetizione della marcia della follia che ha prodotto la prima guerra mondiale.


Nel mio ultimo pezzo, “Merkel Whores Per Washington,” ho erroneamente attribuita a Krusciov tutti i trasferimenti del territorio russo verso l’Ucraina. I primi doni dei territori russi in Ucraina sono state fatte da Lenin, e l’ultimo era Sebastopoli nei primi anni del 1990.
Ho inviato oggi il racconto di Alexandr Solzhenitsyn su come il territorio russo è stato dato all’Ucraina. Nel frattempo, il regime fantoccio di Washington a Kiev ha inviato in delinquenti a commettere violenza contro coloro che protestavano a favore della russia in Ucraina orientale, che non vogliono avere nulla a che fare con i tirapiedi di Washington a Kiev, spingendo la Russia a rilasciare un altro avvertimento che l’esercito russo proteggerà i russi. Chiaramente, Washington sta facendo tutto il possibile per provocare Putin a inviare l’esercito russo in Ucraina orientale. Ora che la Merkel ha svenduto l’europa, il corso degli eventi ucraini sembra chiaro, ciò mi permette di rivolgere la mia attenzione al colpo di stato in atto in Venezuela ad opera di Washington..
Anche il Venezuela sta subendo un tentativo di rovesciamento da parte del governo crimnale di Washington
Il colpo di stato orchestrato  da Washington in Ucraina ha tenuto la vicenda del Venezuela fuori dai titoli dei giornali.
Un confronto con la Russia che ha il deterrente delle armi nucleari è più pericoloso che con il Venezuela. Ma la violenza che Washington ha scatenato in Venezuela quasi in contemporanea con l’Ucraina è la testimonianza nei fatti della tendenza alla criminalità di Washington.
Il Sud America è sempre consistito in una minuscola elite spagnolo con tutti i soldi e il potere dominante sulle grandi popolazioni, di maggioranza indigene, che non hanno avuto rappresentanze politica. In Venezuela, Chavez ha rotto questo schema. Un presidente indigeno è stato eletto ed ha rappresentato il popolo e ha lavorato in loro favore, invece di saccheggiare il paese. Chavez è diventato un modello e altri presidenti indigeni sono stati eletti in Ecuador e Bolivia.
Chavez è stato odiato da Washington e demonizzato dagli americani. Quando Chavez è morto di cancro, Washington ha celebrato.
Evo Morales, presidente della Bolivia, era incline alla concessione di asilo all’ex collaboratore della NSA Edward Snowden. Di conseguenza, Washington ha ordinato ai suoi stati fantoccio europei di negare il permesso di sorvolo aereo per il presidente Morales ‘al suo rientro in Bolivia dalla Russia’, in violazione di ogni protocollo diplomatico. Morales ha subito altre umiliazioni per mano dei criminali di Washington.
Rafael Correa, presidente dell’Ecuador, egli stesso un obiettivo di Washington per la concessione dell’asilo politico a Julian Assange. Su ordine di Washington, lo stato fantoccio britannico di Washington ha rifiutato di concedere il libero passaggio di Assange, e Assange sta spendendo la sua vita nella Ambasciata dell’Ecuador a Londra, proprio come il Cardinale Mindszenty spese la sua vita presso l’Ambasciata degli Stati Uniti nell’Ungheria comunista.
Con la morte di Chavez, l’indigeno venezuelano Nicolas Maduro divenne presidente. Maduro non ha il carisma di Chavez, e diventa un bersaglio facile per la piccola élite spagnola che possiede i media.
Washington ha iniziato l’attacco Maduro attaccando la moneta venezuelana e riducendo il suo valore sui mercati valutari. Poi gli studenti universitari, molti dei quali sono figli delle ricche élite spagnole, sono stati inviati a protestare. La moneta venezuelana in calo ha fatto aumentare i prezzi e diffuso il malcontento tra i poveri di base indigena come Maduro. Per mettere fine alla rivolta, ai danni e ai disordini che Washington sta usando per lanciare un colpo di stato, Maduro ha dovuto rivolgersi alla polizia. Il segretario di Stato John Kerry ha definito lo sforzo del governo per ristabilire l’ordine pubblico e di prevenire un colpo di stato una “campagna di terrore contro i propri cittadini.”
Dopo aver orchestrato le proteste e tramato un colpo di stato, Kerry ha accusato Maduro per la violenza che Kerry ha scatenato e ha invitato Maduro “a rispettare i diritti umani”.

Per Washington, è sempre lo stesso copione. Commettere un crimine e dare la colpa alla vittima.
Se Washington può rovesciare Maduro, il prossimo obiettivo sarà Correa. Se Washington può sbarazzarsi di Correa e mettere al potere un governo fantoccio delle ricche elite Spagnole, Washington può indurre il governo ecuadoriano a revocare l’asilo politico che Correa ha concesso a Julian Assange. Se ciò accadesse Assange finirebbe nelle braccia della polizia britannica, che lo invierebbe in Svezia, che lo passerebbe a Washington per essere torturato fino a quando non confessa a qualunque richieste di Washington.
I poveri gonzi creduloni che protestano nelle strade venezuelane non hanno idea del danno che stanno facendo a se stessi e come  le loro controparti in Ucraina hanno fatto. I Venezuelani hanno già dimenticato ciò che la vita per loro era come sotto il dominio delle élite spagnole. Sembra che i venezuelani siano determinati ad aiutare Washington a divenire di nuovo la loro servitù.
Se Washington riconquista il Venezuela e l’Ecuador, la Bolivia sarà la prossima. Poi il Brasile.
Washington ha un occhio sul Brasile, perché il paese è membro del BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sud Africa), e Washington intende distruggere questa organizzazione prima che questi paesi siano in grado di stabilire un blocco commerciale che non utilizzi il dollaro.
Non molto tempo fa, un funzionario Usa ha detto che non appena noi (Washington) riusciremo a mettere la Russia in un vicolo cieco, ci occuperemo dei nuovi arrivati ​​in Sud America.
Il programma è in programma.
FONTE


Nessun commento:

Posta un commento