.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


mercoledì 21 marzo 2012

Dubbi sul Dalai lama

Questo blog vuol far riflettere,e non puo non mostrare le molte perplessita che ho nei confronti del Dalai lama,che vedo più come politico che saggio.La sua famosa frase,ogni popolo segua la sua religione,mi puzza di bruciato tremendamente conoscendo quanto siano false tutte le religioni istitualizzate.



Anche se non sono d'accordo con tutto ciò che Michael Parenti scrive nel suo nuovo libro God and his Demons, egli fa un sacco di buone puntualizzazioni sul Dalai Lama. Egli sottolinea il lato oscuro di molte religioni e dei tanti mali commessi in nome della "Santa causa". La maggior parte della sua critica al buddismo è finalizzata al Dalai Lama e alla teocrazia feudale del vecchio Tibet. Di seguito sono riportati alcuni estratti del libro:
Il Tibet non era Shangri-La
"Molti Buddisti sostengono che, prima della repressione cinese nel 1959, il vecchio Tibet era un regno libero orientato spiritualmente, lontano dalla corruzione e dal materialismo egoistico che affligge la società moderna industrializzata. Le notizie dei media e i film di Hollywood hanno dipinto la teocrazia tibetana come una vera Shangri-La. Lo stesso Dalai Lama dichiarò che 'l'influenza pervasiva del buddismo' in Tibet 'in mezzo agli ampi spazi aperti di un ambiente incontaminato, portò ad una società dedicata alla pace e all'armonia. Abbiamo goduto di libertà e soddisfazione."
"Fino al 1959, quando il Dalai Lama presiedette per l'ultima volta il Tibet, la maggior parte della terra arabile era ancora organizzata in poderi feudali lavorati da servi della gleba e di proprietà di monasteri e di padroni secolari...Il comandante in capo dell'esercito Tibetano, un membro del Gabinetto laico del Dalai Lama, possedeva 4.000 Km quadrati di terra e 3.500 servi. Il vecchio Tibet è stato travisato da alcuni dei suoi ammiratori come 'una nazione che non richiede alcuna forza di polizia perché il suo popolo osserva volontariamente le leggi del karma.' In realtà, esso aveva un esercito professionale, seppur piccolo, che serviva soprattutto come un gendarme per i proprietari, al fine di mantenere l'ordine e dare la caccia ai servi in fuga."
"Una donna di 22 anni, essa stessa una serva fuggiasca, riferisce:'Le ragazze serve carine erano solitamente prese dal proprietario come domestiche e utilizzate a suo piacimento'. I servi fuggitivi erano braccati dagli uomini del padrone di casa e picchiati senza pietà. I servi della gleba venivano tassati al momento di sposarsi e ad ogni nascita o morte nella famiglia. Essi erano tassati per piantare un albero nel loro cortile e per il possesso di animali, tassati per le feste religiose e per il ballo in pubblico, e tassati per essere mandati in prigione e dopo essere stati rilasciati. Coloro che non riuscivano a trovare lavoro erano tassati per essere disoccupati e se viaggiavano verso un altro villaggio in cerca di lavoro, pagavano una tassa di traversata."
"Qualunque cosa siano stati i torti e le nuove oppressioni introdotte dai Cinesi nel 1959, essi abolirono la schiavitù e il sistema di servitù della gleba Tibetano di lavoro non pagato. Eliminarono le schiaccianti imposte dei padroni, iniziarono progetti di lavoro e ridussero grandemente la disoccupazione e la miseria. Istituirono centri sanitari e scuole laiche e costruirono impianti di acqua corrente e sistemi elettrici a Lhasa. Dal 1950 la popolazione tibetana raddoppiò e la durata della vita passò da 36 anni alla media attuale di 65 anni".
"Sia il Dalai Lama che il suo consigliere e fratello più giovane Tedzin Choegyal, affermarono che 'più di 1,2 milioni di Tibetani morirono a causa dell'occupazione cinese'. Il censimento ufficiale del 1953 - 6 anni prima della repressione cinese - registrò l'intera popolazione residente nel Tibet in modo opportuno a 1.274.000. Un altro censimento calcolava di inserire la popolazione del Tibet all'interno di circa 2 milioni di persone. Se i cinesi uccisi nel 1960 furono 1,2 milioni, sarebbe stato spopolato quasi tutto il Tibet, trasformato in un territorio mortale costellato di campi di sterminio e fosse comuni, di cui non sembra esserci alcuna prova. Quello che è difficile da procurarsi sono i dati oggettivi sul numero dei tibetani che potrebbero aver perso la vita a causa dell'occupazione cinese."
Per approfondire http://www.nwo-truthresearch.blogspot.com dalai lama

1 commento:

  1. io credo che prendere per oro colato qualsiasi frase esca dalla bocca di chi, per meriti o per carisma, sia sempre un errore...
    ...anche perchè non si sa mai per quale motivo e pensando a cosa sia stata detta...
    vivere poggiandosi su cose che finiranno in un libretto di aforismi può essere cosa assai romantica... ma... l'aforisma disdegna la vita vissuta... e poi è presuntuoso...
    non entro nel merito della questione per manifesta ignoranza... ma mi godo quanto hai scritto e lo metto in saccoccia.

    RispondiElimina