.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


mercoledì 12 dicembre 2012

A Benares,a contemplare cadaveri fumanti


04  FEBBRAIO  Una volta sveglio sul mio letto sgangherato la mia anima parlò ancora ,la vita altro non è che un infinita sequenza di sogni ,ogni sogno è unico e originale ,la morte e solo la fine di uno spettacolo ,dopo un attimo di pausa si ricomincia. Mi convinsi più che mai ad immettere queste mie esperienze nel mio libro già cominciato, la prima parte di sicuro sarebbe stata affascinante per i giovani, quest'ultima di sicuro per molti pochi ,ma viste le tante stranezze avvenute ,forse potrà interessare a chiunque ,anche un fatto del genere di sicuro è strano. Con un tuk tuk fui trasportato alla volta di Gaya ,durante il tragitto guardando le stelle senza ombra di dubbio intuii che davvero la vita altro non è che un lungo sogno ,per mia fortuna ,anzi nel mio caso davvero bellissimo. Arrivato a Gaya mi sembro d'essere  giunto  all'inferno ,la stazione del treno era piena di poveracci ,era l'alba e faceva molto freddo ,gli stessi erano rannicchiati sotto delle putride coperte ,anche questo era opera del divino uno spettacolo che non gradii molto ,ma la mia libertà mi permise di prendere il primo treno, mi sorse una domanda senza risposta; perché su questa terra paradiso ed inferno convivono quasi insieme ,forse più avanti vi sarà risposta. Verso le 12 ero a Benares (Varanasi) ,presi un risciò e dissi al conducente di portarmi dove meglio credeva. Appena uscito dalla stazione fui colpito dalla tantissima gente ,mi sembrò di essere tornato a  Dacca ,lo spazio vitale non esisteva più ,oltre agli esseri umani vi erano tantissimi risciò e vacche sacre le macchine per fortuna erano molto poche, almeno a confronto di Calcutta. Dopo circa mezz'ora fui scaricato in una confortevole guest house ,la camera costava solo 50 rupie ,nella stessa vi era una doccia con acqua calda ,inoltre le lenzuola mi sembravano quelle della mamma ,senza alcun dubbio e senza mercanteggiamenti mi stabilii li. La cosa più interessante comunque fu il fatto che nella libreria della sala d'aspetto ,vi erano numerosi libri, stranamente (infatti nei miei viaggi fino a quel giorno non mi era mai capitato)anche scritti in italiano. Due in particolare colpirono la mia attenzione ; “Gli dei della terra”, di Gibran e “Il male oscuro” di Giuseppe Berto ,il primo grazie alle mie esperienze spirituali fu di facile lettura, mentre dal secondo trassi moltissime informazioni ma di questo parlerò dopo. Uscito dalla guest house, provai ad immergermi nella magica India ,ma più che altro qui a Benares praticai lo slalom speciale ,gli esseri umani erano talmente tanti da impedirmi di rilassarmi. Girai a lungo a caso ,speravo d'imbattermi nel Gange ,ma non successe per cui una volta stanco presi un risciò e mi feci portare al fiume più sacro della terra. Mi colpirono tante cose ma più che altro passai il mio tempo a vedere cremare i cadaveri.
05 FEBBRAIO
                                       268   BENARES
E una città santa                                                 ma per me
è un vero inferno. 
Risciò biciclette vacche                                      puzze e rumori soprattutto
questa è la mia Benares                                      una città che mi sta
fondendo il cervello                                            troppi rumori, troppa povertà
sogno                                                                  spiagge coralline montagne incontaminate
questo sono io                                                     Benares non fa per me.

Dopo una disastrosa mattinata che mi portò a scrivere il non certo allegro aforisma ,nel pomeriggio passeggiando per il Gange capii che dovevo rimanere ,era di sicuro la mia anima a volere ciò ,la mia mente condizionata come ho scritto prima desiderava ben altro.
-------------------------------------------------------------
La mia mente come al solito ,continuava a passare dal paradiso all"inferno,positivita e negativa si alternavano.
Comunque moltissime intuizioni ,le ebbi al veder bruciare i cadaveri.
Cenere siamo e cenere ritorneremo,il nostro corpo ,è questo,non bisogna dimenticarlo mai.
L"unica certezza è che ritorneremo cenere,perciò cerchiamo di goderci,l"eccezionalita di avere un corpo vivo,vivere è un miracolo,la cenere che si traforma,in un  fantastico corpo vivente,è il miracolo dei miracoli,non dimentichiamolo mai.


Nessun commento:

Posta un commento