.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


sabato 8 dicembre 2012

Pensavo di aver capito tutto.Ma solo l"ego ,può pensare una tale stupidaggine.


29  GENNAIO   Appena sveglio a mente lucida scrissi.

                                             256   30   ANNI
Ho 30 anni il prossimo 07 maggio                     ma oggi 29.01.94
ho capito cosa voglio                                         voglio le mie illusioni
non voglio essere telecomandato                       da chicchessia
voglio rispondere solo a me stesso                    gli altri insignificanti
devo percorrere la mia strada                             crearmi le mie illusioni
così facendo si può forse pensare                       di rimanere soli
ma il mondo è pieno d’energia                           dappertutto
la solitudine non esiste                                        solamente chi è cieco dentro
in tutti i sensi                                                       ha paura di rimanere solo
la vita è ovunque                                                 solamente quello che ti è caro
t’imprigiona                                                         ma quando ti liberi
vedi che il mondo sprigiona energia                    ovunque.
Capisci che quelle illusioni                                  quella scarsa energia
non è niente al confronto del tutto                        quelle illusioni ti legano solamente                
non vedi la luce che ti circonda                            vedi un piccolo mondo
dove la sofferenza prevale                                    perché manca l'energia
che non può penetrare                                           PERCHE’ SEI CHIUSO
la vita con poca energia                                        è simile al polo sud
cioè si vive molto poco.

           257   RELIGIONE  ANTIDOTO  CONTRO   LA   PAURA
La paura è innata nell'uomo                               le religioni come trascendenza
della paura.
Oggi nel mondo occidentale                              la paura è stata trascesa
dando un eccezionale importanza                      alla propria vita alla propria illusione.  
Ma sia l’uomo religioso                                     che il materialista
attaccandosi a qualcosa di fondamentale           si perde il tutto che è intorno a noi.
Qui a Bodgaya                                                   vedo molta gente schiava
delle preghiere                                                   della venerazione di un grande uomo
ma la farfalla che mi vola a fianco                     sa meglio di loro
che non bisogna ringraziare nessuno                 ogni giorno il Dio dentro di noi
ci glorifica della sua energia                              e noi non dobbiamo che raccoglierla.
Ognuno al cospetto di Dio                                 non è nessuno
come può Dio interessarsi a lui. 
Il vero Dio è dentro di noi                                  e non fuori
perciò bisogna coltivare                                     la propria anima
e riuscire a cogliere                                            tutta l'energia vitale intorno a noi
l'energia da origine all'illusione                         di questa vita
aprirsi alla compenetrazione energetica             è la più bella sensazione
che si possa provare                                           costruire delle barriere intorno a noi
permette alla paura                                             quest'illusione di vincere.


258   BODH GAYA   MILIARDI   DI   FLASH
Il primo giorno qui                                             è stato interminabile
tanto ero vuoto dentro. 
Tutte l'immagini nuove                                      mi penetravano facilmente
ero come inghiottito                                          da qualunque forma vitale.
Mi sembrava d'essere sotto fungo                     infatti i pensieri mi si accavallavano
una foglia mi poteva colpire                             ma subito dopo arrivava una bambina
e cosi via                                                           vedevo un mondo più ampio.
Mai prima d'ora mi ero accorto                         di quanta vitalità fossi circondato
i miei pensieri ,i miei problemi                         mi rendevano cieco
ero concentrato su cose insignificanti               ma le consideravo importantissime
qui mi sono accorto                                           che nulla è importante
solo noi diamo valore alle cose                         che non sono che pura illusione 
una illusione fatale                                            che ti rende la vita impossibile 
e grigia                                                               mentre al contrario
se non diamo importanza alle cose                    la vita ti si riempie di mille colori.

Finito di scrivere rividi Lorenzo ,lo stesso era in compagnia di un giornalista comunista del Kerala e di un ragazzo tibetano. Il giornalista appena seppe che ero anch'io comunista volle approfondire questo argomento ,ma io ero preso come ben sapete da tutt'altro ,gli promisi che ne avremmo parlato al prossimo incontro. Mentre con il  tibetano ebbi una breve discussione che infastidì Lorenzo, infatti il ragazzo poco dopo sarebbe andato a pregare al tempio ,addirittura per sei ore, chiesi soltanto a cosa servisse tutto ciò ,ma lui non mi seppe rispondere. Lorenzo aveva notato che la mia domanda era molto presuntuosa, infatti quello che faceva il ragazzo per me non aveva senso, il tibetano era proprio imbarazzato ,se fossi stato da solo l'avrei affondato con la mia dialettica ,ma il mio gurù molto autoritariamente mi disse di farmi i cazzi miei ,il mio amore per lo stesso mi fece tacere ,anche se avevo molto da dire su entrambi. Mi eclissai dai tre ed andai a trovare Massimo ,che mi pre­sentò un suo amico lucchese di nome Libero. Costui era in India perché stanco della società occidentale ,seguace di Babaji (famosissimo guru’ indiano ,morto da qualche anno),viveva di rendita da qualche anno ,se lo poteva benissimo permettere infatti spendeva al giorno circa 3 dollari. Anche con g1i stessi per poco non litigai ,infatti quel mattino mi sembrava di sapere di tutto, Massimo molto intelligentemente mi disse che la mia sapienza non era che un gioco dell'ego ,per lui era impossibile capire tutto ,chi sa perché gli diedi ragione salutai entrambi ringraziandoli ,m'avevano fatto tornare con i piedi per terra sapevo si moltissime cose ,ma non era certo giusto con le stesse gratificare il mio ego, mi rigettai nel tutto. Forse ebbi un'allucinazione, infatti rimasi per un po’ con un fiore ,lo stesso mi rideva in faccia ,di certo lo sentivo vivo per quanto riguarda il suo riso, era come un'apparizione della Madonna ,i poteri della nostra mente sono infiniti. La sera la passai con Lorenzo ,il comunista, Massimo e Libero ,tutti quanti cercarono di farmi tornare con i piedi per terra ,quello che ci riuscì di più fu il comunista ,parlare di politica (cioè di stronzate)mi rilasso moltissimo. Quel giorno mi sentii veramente super ,ero sicuro d'aver capito tutto.


Nessun commento:

Posta un commento