.Nisargadatta Maharaj. La meraviglia è l'alba della sapienza

L’appercezione in cui tutto sorge, è questa la realtà. Un’appercezione pura e chiara, quella che chiamano l’occhio di Dio.Karl Renz

« La persona non- risvegliata vive nel suo mondo, la persona risvegliata vive nel mondo. » Andrew Cohen

Finché immagino "come dovrei essere", continuerò ad essere quello che sono ora.U.G.Krishnamurti

"Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti." Eraclito

Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezzaBenjamin Franklin

In televisione non c'è la pubblicità, il mezzo televisivo è "solo" pubblicità.Dioniso 777


mercoledì 21 novembre 2012

Il buddismo non fa per me ,meglio l"India

30  DICEMBRE  Questo giorno sulla spiaggia nudista forse ero un po’ pazzo ,in fatti ecco cosa scrissi.

                                            229   ELEMENTARE
Non ho mangiato più funghi                                   ma qui ad Had Rin
ho capito che davvero                                             il centro dell’universo
il vero Dio sono io. 
E’ tutto cosi semplice                                              quando un essere umano
è libero dai mille condizionamenti                          e può davvero pensare
capisce che il mondo circostante                             solo lui lo può creare
ed e a sua immagine e somiglianza. 
Se un uomo sta bene con se stesso                           la natura è paradisiaca
ma è la condizione mentale                                      che permette di raggiungere il paradiso
che è qui sulla terra                                                  se uno sta male dentro
questa terra è un inferno. 
Quando l’umanità capirà ciò                                    avremo un paradiso terrestre.

                                                 230   PARADISO
Nudo sulla spiaggia il cielo azzurro                  circondato da corpi umani
alberi di cocco e altro verde                              con il mio Nietzsche
il sole sul mio corpo                                          la sabbia su di me
il mare che mi refrigera                                     il tempo infinito
se avessi la mia Eva                                          difficilmente potrei lasciare
questo magico posto                                         speriamo di non trovarla
non cerco i1 paradiso                                        cerco di scoprire
questo fantastico pianeta                                   non mi posso fermare
esistono sulla terra                                            mille altri luoghi paradisiaci.

Quel giorno non cercavo nulla ero felice di quello che c'era e quello che c'era era incommensurabile. Una sensazione interna che bisogna provare per capire ,chi non prova non può capire ,il problema fondamentale è che tutti hanno dei fini ,ma inseguire un fine oscura i propri occhi. A pranzo ero da Franco conobbi due pugliesi Pasquale e Daniele ,erano due cuochi, questo era il loro primo viaggio in Asia ,infatti erano molto provinciali. Vidi i lucchesi che si passavano l'abituale spinello, m’invitarono a fumare ,ma risposi che già stavo troppo fuori. Nel pomeriggio dopo l'abituale tintarella incontrai Alessio con cui m’intrattenni in una conversazione. “Così venite dall'India”. “Si Almo è un posto incredibile ,ci siamo soprattutto sballati di marijuana ,pensa fumavamo nei tempi ,si sta troppo bene in India ,l'unico problema è dato dall'estrema povertà e sporcizia della gente del posto”. “Alessio tu credi in Dio”. “Sicuramente c'è qualcosa dopo la morte ,la reincarnazione la ritengo molto probabile, di Dio non so cosa dirti”. Lo portai al mio bungalow e gli feci leggere i miei scritti, in particolare la mia esperienza con i funghi. Mi consigliò di leggere un certo Castaneda, quello che mi era successo non era niente di straordinario per uno come lui molto al di dentro di certe problematiche. Ci salutammo ma avevo capito d'aver incontrato, una persona come me molto attratta da certe situazioni. La sera al solito ristorante conobbi un argentino di circa 35 anni, dopo aver pensato tanto alla spiritualità, con lo  stesso si parlo di fica ,il tipo era un vero casanova per lui le donne erano tutto ,come lo erano state per me durante i miei soggiorni brasiliani. Gli volevo far capire che si potevano provare delle sensazioni molto più forti ,ma lui era ancora troppo affamato di certe cose ,non mi poté capire. Andammo insieme a ballare ,io ballavo ,lui provava con le donne ,del ballo non gli importava un cazzo. Rividi le due buddiste erano insieme ad Alessio e Filippo ,mentre Stefano come al solito era perso nella marijuana. Convinsi le due a darmi il libro sul buddismo ,poco dopo eravamo tutti nel loro bungalow, presi il libro ,ma più che altro sapevo dove alloggiavano ,Milli m'attizzava proprio ,sarei potuto venire a trovarla. 
31 DICEMBRE  Di primo mattino cambiai bungalow ,il nuovo non era gran che ,ma molto meglio della mia stamberga, inoltre costava la metà. Visto che era possibile attaccai la mia amaca su dei pali di sostegno ,poco dopo andai alla spiaggia nudista. Volevo informarmi sul prezzo dei bungalow presenti sulla mia amata spiaggia ,così mentre cercavo qualcuno per chiedere informazione, m’imbattei in un piccolo santuario con tanto di foto ,vi era un tipo dal lungo barbone bianco,
 
 
 tanti fiori e degli incensi accesi ,pensai chi diavolo fosse quel tipo, ma avevo cose molto più urgenti d'affrontare perciò passai rapidamente oltre. Nell'unico chiosco della spiaggia chiesi informazioni e seppi che i bungalow bisognava affittarli per due settimane come minimo ,non chiesi perciò nemmeno il prezzo rimanere a Ko pha-ngan per altre due settimane per me era inconcepibile. Nel pomeriggio iniziai ai leggere il libro buddista ,siccome sono un buon lettore in due ore me lo lessi tutto ,ecco il succo. Si parlava delle diverse correnti buddiste Hinayana ,Manayana ,zen ecc. Nel libro s'esaltava il Manayana ed in particolare un Budda giapponese, che come grande merito aveva inventato una preghiera salvavita ,la stessa che avevo visto recitare alle due torinesi. Naturalmente il buddismo come il cristianesimo predicava l'amore ,ma non solo per gli esseri umani ,anche g1i animali secondo loro un giorno sarebbero diventati dei Budda. Ecco comunque le due cose che più mi colpirono. 1° Bisognava seguire numerose regole ,regnava una grande disciplina. 2° Nascere uomini è molto difficile ,essere buddisti significa soltanto che si è molto avanti nella scala della conoscenza. Pensai subito alla religione cattolica ,che propagava il suo credo basandosi egualmente sul senso di grandezza  (Gesù cristo l'unico figlio di Dio). Raggiunsi una rapida conclusione ,il buddismo almeno quello praticato dalle due ragazze non era proprio per me. La preghiera salvavita ,l'eccessiva disciplina ,ma soprattutto l'immensa venerazione del Budda giapponese ,non facevano per me ,solo la reincarnazione accettavo totalmente ,ma vi sono molte altre religioni che credono alla stessa. Forse ho semplificato troppo ,ma dire le preghiere ,non mi piace proprio ,poi addirittura in tibetano, meglio cantare una canzone di Celentano. Finita la lettura scrissi.

                  232    IL RESTO  DELL’UMANITA’
Io me stesso                                                         il resto del mondo
la stragrande maggioranza                                   condizionata dal potere
non libera di capire. 
Viaggiando                                                           è questa la sensazione
più fortemente percepibile                                   e captabile dalla mia libertà interiore.
Gli uomini di questo pianeta                                più sono in movimento
e più li noto prigionieri                                        una grande prigione per le loro menti
mangiano sopravvivono                                       provano ad essere felici
ma sanno benissimo di essere in prigione. 
Vivono una vita piatta                                          e per crescere ,per liberarsi
bisogna evadere                                                    cosa al giorno d'oggi quasi impossibile.
Le catene del potere sono infrangibili                  solo pochi eletti
riescono a liberarsene. 
Gente come me                                                    datevi da fare
molte catene sono da spezzare                             può costarci la vita
ma anche questo                                                   è essere se stessi.


          233  L'ULTIMO DELL'ANNO, L'AMACA, UN SIGARO BIRMANO
Dovrei pensare che è un normale                          ultimo dell'anno
tutti pensano a questo giorno                                ma io sono in un’altra dimensione
sull'amaca con il sigaro                                         il magico tramonto
mi proietta in India.
Con il sigaro "forse"                                              sono fuori dal mondo
ma non è solo il sigaro                                           è la mia dimensione fuori dal mondo.
Cosa fare questa sera non lo so                              preferisco rimanere nella mia dimensione
non mischiarmi ai comuni mortali. 
L'ultimo dell'anno                                                   è un giorno importantissimo
per la gente normale                                                io proprio non mi sento normale.

La mia anima quella sera la sentii molto bene ,dovevo assolutamente andare in India ,ero attirato li, non sarei potuto non andare. Dopo Ko Pha-Ngan ,secondo i miei programmi veniva la Cina ,sarei andato a trovare mio padre ,ma quella sera decisi dopo un rapido calcolo economico che ci sarei andato solo ad una condizione. Andare in Cina e India per le mie non eccezionali finanze era impossibile sarei andato da mio padre solo se lo stesso mi avrebbe prestato come minimo 300 dollari. Fu questa una decisione irrevocabile ,fra circa una settimana avrei te­lefonato a casa ,per sentire se era possibile sia la Cina e l’India  o mi sarei dovuto accontentare della sola India. In un primo momento pensai di rimanere nel mio bungalow da solo ,avevo da fare un viaggio dentro di me ,ma l'aria di festa mi contagiò ,nel ristorante di Franco tornai con i piedi per terra. Quella sera conobbi il socio genovese di Franco, erano comproprietari del ristorante ,il tipo si chiamava Andrea, era arrivato in compagnia di due suoi amici Giovanni e Gianmario (erano fratelli). C’erano anche i lucchesi, l’argentino della sera precedente ,i due pugliesi tutti insieme ci sballammo di marijuana, ubriacarsi di vino sarebbe stato costosissimo. Alcuni mangiarono anche i funghi allucinogeni, totalmente sconvolti tutti insieme ci dirigemmo alla spiaggia ,dove fra musica e fuochi d'artificio passammo un bell'ultimo giorno dell'anno.

Nessun commento:

Posta un commento